Banner
Banner
04
Apr

Panino d’autore? No, sua maestà lampredotto

on 04 Aprile 2012. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il prodotto

di Francesca Lucchese

Un chiosco, una piazza di Firenze, un capannello di gente, le chiacchiere e le battute tra un morso e un sorso di vino. In piedi, appoggiati a un albero o seduti su una panchina. Il fascino del cibo di strada è tutto qua.

L’allegria contagiosa e il gusto di mangiare un panino unico, di quelli che soddisfano il palato prima ancora che l’appetito. E per mangiare un panino con il lampredotto degno di questo nome devi andare in cerca dei trippai storici della città, sparsi nelle vie principali e nelle piazze ai margini del centro.


Il chiosco di Leonardo Torrini

Uno di questi è Leonardo Torrini, trippaio da 20 anni, che ci racconta il cammino del lampredotto dall’allevamento al celeberrimo panino. Intanto la moglie Silvia scherza e sorride mentre prepara i panini per avventori e passanti che affollano il chiosco.


Leonardo Torrini

Il consumatore di lampredotto è trasversale: dal bambino all’ora della merenda all’anziano a metà mattina, dal cliente abituale a quello di passaggio, dal turista straniero al professionista in pausa pranzo.

La storia del panino toscano più famoso inizia nella Firenze degli anni ’50. Prima di allora il lampredotto veniva venduto sfuso, servito su carta oleata con sale e pepe, sempre e soltanto nel pomeriggio. Oggi i chioschi sono aperti tutto il giorno anche perché Leonardo insegna che “Il momento migliore per gustarlo è al mattino intorno alle 10, quando il calore del panino nelle mani si unisce al profumo del brodo e del pepe. Oppure alle cinque del pomeriggio…altro che il tè degli inglesi!”.


Il lampredotto intero

Il lampredotto puro lo vedi in vetrina nel chiosco tutto arricciato con la sua gala, che è la parte scura plissettata, e con la parte più chiara chiamata spannocchia. Prima di arrivare qui ha subìto un passaggio fondamentale, quello della lavorazione in laboratorio. A Firenze sono solo tre i laboratori che effettuano la pulitura a mano con una prima cottura in acqua calda, poi il passaggio in acqua fredda e infine la spazzolatura manuale con il bruschino. È una fase cruciale che fa la differenza perché nelle macchine la fibra viene denaturata e appiattita e le gale non sono affatto così vive e belle.
E il cliente del lampredotto non perdona: il primo requisito in assoluto da rispettare è la freschezza. Ecco perché la fornitura è giornaliera.


Panino con il lampredotto condito con salsa verde, sale e pepe

Tecnicamente il lampredotto è l’abomaso del vitello di 18 mesi. Una parte dello stomaco considerata nobile e che, come la trippa, ha una percentuale molto bassa di grassi. La cottura è molto semplice: solo 30 minuti, al massimo un’ora di bollitura in brodo vegetale al pomodoro. Dal pentolone viene estratto fumante e tagliato a striscioline. Secondo la procedura completa tradizionale viene messo sul pane e condito solo con sale e pepe nero. Dopodiché la calotta superiore del panino viene bagnata rapidamente nel brodo caldo e voilà, il panino è pronto. Molti non rinunciano alla salsa verde a base di prezzemolo o all’olio al peperoncino. Altri chiedono il lampredotto “sbucciato”. “Una ferita aperta” secondo Leonardo perché la sbucciatura consiste in una sorta di spellatura che annulla inevitabilmente l’originalità e il gusto del prodotto. In effetti, mangiato in purezza con sale e pepe viene fuori una delicatezza straordinaria, la spezia esalta il sapore delle carni, incredibilmente rosa e tenere. Il rito prevede che a ogni morso il brodo sfugga al controllo gocciolando qua e là.


Salsa verde

Un bicchiere di Chianti è il complemento ideale e davvero, nonostante il falso mito, il panino con il lampredotto è uno spuntino leggero che non appesantisce. Niente olio, niente salse, morbido e umido grazie al brodo, soltanto poco più del 5% di grassi. Ci hanno giurato che qualcuno riesce a mangiarne anche tre.

Il prezzo: 3 euro in versione originale, 3,80 euro la giusta “punizione” per chi lo chiede sbucciato.



Chiosco di Leonardo Torrini 
Firenze - Piazza del Bandino, angolo tra Via di Ripoli e Viale Giannotti (di fronte alla Coop di Viale Giannotti).

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY