Banner
Banner
16
Lug

Citran, Cho Lee, Luxardo, Pagnoncelli e Finkielkraut vincono il Premio Masi 2019

on 16 Luglio 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il premio


(Dall'alto, in senso orario: Alain Finkielkraut, Jeannie Cho Lee, Nando Pagnoncelli, Piero Luxardo e Roberto Citran)

Cinque interpreti di una forte identità culturale e delle virtù fondanti di una civiltà che guarda al futuro: sono stati svelati oggi i vincitori della 38esima edizione del Premio Masi, collettore delle eccellenze del nostro Paese e non solo, con una vocazione sempre più internazionale.

I tre riconoscimenti del Premio Civiltà Veneta vanno al padovano Roberto Citran, "attore di grande versatilità conosciuto in Italia e all’estero per la sua ricca carriera cinematografica", come da motivazioni della giuria del Premio; a Piero Luxardo, anche lui padovano, "rara figura di imprenditore e intellettuale", presidente dell’omonima azienda veneta storica produttrice di distillati di tradizione, e docente di letteratura all’Ateneo patavino; e al bergamasco Nando Pagnoncelli, "sondaggista tra i più autorevoli e influenti, un vero rabdomante del sociale che usa gli strumenti della scienza". Il Premio Internazionale Civiltà del Vino è assegnato alla coreana Jeannie Cho Lee, prima asiatica a conseguire l’ambito titolo di Master of Wine, tra i più influenti critici, giornalisti e consulenti del vino a livello internazionale, che "attraverso la sua attività ha costituito un ponte culturale tra Oriente e Occidente, educando all’apprezzamento del vino, al suo consumo moderato, e al suo incontro con le tradizioni e il tessuto sociale dei mercati asiatici, nuova frontiera del nostro prodotto più emblematico". Il Premio Internazionale Grosso D’Oro Veneziano è attribuito ad Alain Finkielkraut, uno dei massimi filosofi e intellettuali francesi contemporanei, che "per il suo impegno e le sue opere è riconosciuto simbolo di libertà di espressione e di civile convivenza".

Isabella Bossi Fedrigotti, presidente di Fondazione Masi ha affermato: “Anche nella sua 38esima edizione il Premio Masi s'ispira al binomio che ormai da quattro decenni traccia una linea di continuità nell'attribuzione dei riconoscimenti: salde radici nel patrimonio di valori e di cultura delle Venezie e sguardo verso l'orizzonte, per individuare nuovi percorsi e mete”. E continua: “Se i vincitori del premio Civiltà Veneta nel 2019 richiamano l'estensione geografica della civilizzazione della Serenissima, dalle coste dalmate alla marca orobica, il premio Civiltà del Vino, con la scelta della coreana Jeannie Cho Lee, si allinea invece all'attenzione che la terra di Marco Polo da sempre coltiva verso l'Oriente. Ci riporta, infine, alla storica presenza ebraica in Laguna, il Grosso d'Oro ad Alain Finkielkraut, l'autorevole pensatore francese impegnato in una battaglia civile contro le risorgenti pulsioni di antisemitismo nell'Europa di oggi”. L'attribuzione dei premi avviene quest’anno in coincidenza con due eventi di particolare importanza per il territorio e l’imprenditoria delle Venezie: l'assegnazione delle Olimpiadi invernali del 2026 al tandem Milano-Cortina e il riconoscimento delle colline del Prosecco Superiore Docg come Patrimonio dell'Umanità da parte dell'Unesco.

A questo proposito si esprime Sandro Boscaini, vice presidente Fondazione Masi e presidente di Masi: “Due speranze divenute ora certezze, che ci consegnano un'occasione straordinaria per prendere coscienza del valore del nostro territorio e per garantirgli quel risalto planetario cui ambisce. Una conferma della vocazione all'internazionalità che le Venezie esprimono attraverso cultura e linguaggi, opere e paesaggi, universalmente comprensibili e fruibili. Sotto il buon auspicio di questi meritati riconoscimenti rinnoviamo anche quest’anno l’impegno della Fondazione Masi, che da 4 decadi con il suo Premio, porta nel mondo i valori delle Venezie, promuovendo il confronto e il dialogo tra culture”. La premiazione si terrà sabato 28 settembre a Verona presso il Teatro Filarmonico e sarà preceduta, come da consuetudine, dalla cerimonia privata presso le Cantine Masi dove i cinque vincitori apporranno la loro firma sulla storica botte di Amarone, emblema del Premio.

MOTIVAZIONI

PREMIO CIVILTA’ VENETA

Roberto Citran - “Padovano, attore di grande versatilità, conosciuto in Italia e all’estero per la sua ricca carriera che lo ha portato a interpretare un ampio ventaglio di personaggi in film diretti da noti registi, tra i quali i veneti Carlo Mazzacurati, Andrea Segre, Antonio Padovan. Numerosi i film di successo internazionale come Il mandolino del capitano Corelli e Hotel Rwanda. Interprete dai tratti eleganti e di sottile ironia, è riconosciuto per una carriera condotta con passione e professionalità”.

Piero Luxardo - “Padovano, rara figura di imprenditore e intellettuale. È presidente della veneta Luxardo S.p.A., storica produttrice di distillati di tradizione tra i più prestigiosi e apprezzati, e docente di letteratura italiana del Novecento all’Ateneo patavino. Rappresenta un casato di imprenditori dalla lunga e tormentata storia, presente dall’inizio dell’Ottocento a Zara, in esilio a Padova in drammatiche circostanze nel secondo dopoguerra. Presiede il comitato di gestione del Premio Campiello”.

Nando Pagnoncelli - “Bergamasco, pertanto esponente di quel Veneto allargato a Ovest che porta ancora oggi i segni culturali della Serenissima. Sondaggista tra i più autorevoli e influenti della televisione e della carta stampata, legge i dati statistici offrendo una sensibile interpretazione degli umori e delle opinioni degli Italiani. Un vero rabdomante del sociale che usa gli strumenti della scienza”.

PREMIO INTERNAZIONALE CIVILTA’ DEL VINO

Jeannie Cho Lee - “Coreana, con formazione presso la Harvard University, prima asiatica a conseguire l’ambito titolo di Master of Wine. Pluripremiata per le sue pubblicazioni e conduzioni televisive è tra i più influenti critici, giornalisti e consulenti del vino a livello internazionale. Attraverso la sua attività ha costituito un ponte culturale tra Oriente e Occidente educando all’apprezzamento del vino, al suo consumo moderato, e al suo incontro con le tradizioni e il tessuto sociale dei mercati asiatici, nuova frontiera del nostro prodotto più emblematico”.

PREMIO INTERNAZIONALE GROSSO D’ORO VENEZIANO

Alain Finkielkraut - “Uno dei massimi filosofi e intellettuali francesi contemporanei di visione “illuminista”: difensore della ragione critica contro ogni forma di oscurantismo e di regressione. La sua battaglia civile lo ha reso obiettivo di pesanti attacchi antisemiti. Per il suo impegno e le sue opere è riconosciuto simbolo di libertà di espressione e di civile convivenza”.

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY