Banner
Banner
05
Feb

Come scegliere il ristorante con Tripadvisor

on 05 Febbraio 2013. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - I nostri consigli

di Giovanni Paternò

Una volta il ristorante si sceglieva col passa parola, consultando i suggerimenti delle guide cartacee e seguendo i consigli magari interessati dei portieri d'albergo.

Ora tutto è cambiato anche in questo settore e la causa è Internet. Nel web ormai esistono migliaia di siti e blog che recensiscono ristoranti, che li pubblicizzano o solamente ne parlano, per cui chi viaggia per turismo o affari si affida sempre più, se non addirittura esclusivamente, a questo mezzo di informazione.
 
Uno dei siti web più popolari o addirittura il più utilizzato è Tripadvisor punto qualsiasi dominio, il big dell'informazione nel campo turistico per scegliere un albergo, un B&B, un ristorante, un'attrazione. Esso si basa esclusivamente sulle recensioni degli utenti, che vengono pubblicate senza alcuna verifica o filtro di attendibilità, per cui spesso le sue classifiche sono oggetto di aspre critiche. Infatti recentemente si è parlato di vere e proprie organizzazioni che a pagamento si adoperano ad inserire recensioni positive inventate per far scalare la classifica o, in caso di mancata adesione alla proposta, di far precipitare il malcapitato e onesto gestore. Si verificano anche casi di singoli utenti che per invidia, o cattiva concorrenza, o per astio si inventino recensioni negative che danneggiano incolpevoli esercizi.
 
Allora che si fa? Si rinuncia a Tripadvisor? Nemmeno per sogno, solamente bisogna consultarlo con attenzione, utilizzando al meglio tutte le informazioni che offre per ogni ristorante.

Noi ci siamo trovati sempre bene seguendo questi criteri:

- più recensioni, più affidabilità. E' una regola statistica: più casi ci sono meno errori possono verificarsi. La massa dei recensori è in buona fede, per cui riesce a bilanciare l'eventuale presenza di giudizi prezzolati o inattendibili.

- visionare le foto del locale e dei piatti. E' un obbligo perchè anche se la foto non può comunicare i profumi e i sapori riesce a far capire la tipologia del ristorante, la professionalità e le caratteristiche del cuoco. Se amate le porzioni abbondanti e le foto mostrano piatti micragnosi, se cercate una cucina casalinga  e vedete portate da nouvelle cuisine, se volete conquistare una ragazza con una cena elegante, magari a lume di candela, e la documentazione vi mostra una trattoria rustica, significa che quel ristorante dovete scartarlo perché non fa per voi.




- leggere le recensioni negative. Spesso un giudizio negativo è stato dato per una serata storta, per piatti scelti male, per una discussione col cameriere, perché magari il cliente si aspettava di spendere meno, non avendo prima dato un'occhiata ai prezzi, o per altri motivi che comunque possono non avere grande influenza sulla realtà dell'offerta. Se i giudizi non sono molti, quello negativo anche se per motivi contingenti può penalizzare il punteggio finale.

- diffidare dei giudizi di chi magari ha scritto solo quello. Come mai un avventore veneto che non ha recensito altro si sente in dovere di dare un giudizio di eccellenza ad un agriturismo sperduto in provincia di Palermo? E se di questi giudizi singoli a cinque stelle ce ne sono molti, che significa? Facile, il proprietario si è organizzato e si è fatto rilasciare fasulle recensioni di comodo. Allora scartate assolutamente il locale.

- dare un'occhiata al menu nel suo sito web. Così potrete costatare la globalità dell'offerta e capire se ci sono piatti che potrebbero meglio incontrare il vostro gusto. Se desiderate pesce fresco e il menu vi manifesta che si tratta di un ristorante per carnivori, lasciate perdere.

- verificare sulla mappa la posizione. Non è il parametro essenziale, ma potrebbe essere molto scomodo e anche costoso, se usate un taxi, qualora il ristorante si trovi molto distante da dove vi trovate. Allora consultate la mappa interattiva che Tripadvisor pubblica sempre e sceglietene uno che non vi costringa ad un viaggio.

Non crediate che questi accorgimenti vi faranno perdere molto tempo. Se ci avrete fatto l'abitudine, vi sbrigherete in meno di quanto temiate. Questi criteri, fatte le opportune modifiche, li potete applicare anche per la scelta di un albergo.
Nei nostri viaggi, seguendo questi consigli, non abbiamo mai sbagliato un colpo; tuttalpiù qualche rara volta abbiamo scelto un piatto che magari non soddisfava il nostro gusto. Ma questo potrà succedere anche se vi recate da Bottura.

Share

Commenti  

 
+3 #1 Salvatore P 2013-02-05 12:35 TripAdvisor è allo stesso tempo un mezzo potente ma anche con una serie di punti deboli dovuti essenzialmente ad una gestione umana molto limitata e comunque refrattaria all'interazione reale con gli utenti.
Mi è capitato spesso di interagire con il back-office di TA ed ho ottenuto sempre risposte preconfezionate e mai risolutive o illuminanti.
A causa di questo atteggiamento di fatto si rischia spesso di trovare posti ben diversi the quelli che si pensano.
Un esempio su tutti, andate su http://www.tripadvisor.it/Restaurants-g2440596-Province_of_Palermo_Sicily.html , questa è la classifica provinciale dei ristoranti di TA.
La confusione regna sovrana, nel loro regolamento dicono che per essere inseriti occorre la somministrazion e con tavoli…ma è pieno di pasticcerie che non c'azzeccano niente! In pratica gli utenti inseriscono quello che vogliono senza alcun controllo, credo che a breve qualche ferramenta apparirà tra i ristoranti più rinomati!
I ristoranti e pizzerie più blasonati di questa classifica (senza scendere nel merito delle pietanze che molto probabilmente saranno davvero eccezionali) spesso a fronte di una buona offerta culinaria non hanno una location altrettanto invitante e scusatemi ma uscire a cena immaginando un'ottima cenetta in un bel contesto e gustare un ottima cenetta in un ambiente a dir poco squallido sono due cose ben diverse.
In realtà bisognerebbe anche comprendere come funziona lo schema dei punteggi di TA. Infatti assegnare ad un ristorante 3 stelle (medio) equivale a penalizzarlo in quanto il punteggio è costituito dalla frazione (Eccellente+Mol toBuono):(Numer o totale delle recensioni). Si capisce bene che una recensione media che tutto sommato ci può stare senza infamia in realtà aumentando solo il denominatore diminuisce il punteggio, più corretto sarebbe non considerare I giudizi a 3 stelle…
Molte altre considerazioni si potrebbero fare…prossima mente…
Citazione
 
 
0 #2 Maurizio Gandolfo 2013-02-05 21:52 Se un locale è pessimo è pessimo!! a Favignana c'è un noto locale che è gestito da dei PIRATI … questo ho letto su Trip e questo è quello che ho trovato. quindi consultiamolo e facciamo PASSA PAROLA. grazie Trip!! Citazione
 
 
+2 #3 roberta 2013-02-06 17:13 Io fatto più di una recensioni su Trip e tutte vere, e devo dire che prima di andare in un posto ( sia Italia che estero) cerco sempre di vedere se c'è una recensione su Trip e fino ad oggi, ho riscontrato che corrispondevano a verità. Vi prego almeno in questo caso siamo onesti nei nostri giudizi..E' un ottimo strumento di informazione per muoversi nelle proprie città ma soprattutto all'estero.. non roviamo anche questo!.. Citazione
 
 
0 #4 Salvatore P 2013-02-07 12:33 Concordo sull'utilità di TA e sul fatto che un locale pessimo e recensito pessimo da un buon numero di utenti difficilmente è ottimo.
Quello che dico è che è inaccettabile che nelle prime posizioni ci siano pasticcerie, gastronomie, che niente hanno a che fare con TA che ripeto è riferito a chi fa somministrazion e sul posto (lo dice anche il loro regolamento).
Infine con tutta la buona volontà se mi trovassi fuori e con i commenti di TA mi infilassi in una taverna dove cmq si mangia bene non mi sognerei mai di dargli 5 stelle e farlo schizzare al top della città.
Siamo seri, ci vuole tutto, cibo ma anche arredi, sala. Qua se vediamo la classifica provinciale di Palermo e cominciamo a girare nei primi venti andiamo in giro per pasticcerie, gastronomie, bettole (a livello di locale), pizzerie da asporto.
Per quanto si possa mangiare bene se mangio su un tavolo sconquassato con tovaglia di carta in una sala anonima di 20 metri quadri non posso farlo schizzare al top di Palermo!
In questo TA non aiuta perchè anche nei casi palesi di gastronomie e pasticcerie in pratica ignora il fatto e lascia tutto come è!
Che idea può farsi un turista che viene a Palermo ?
Citazione
 
 
0 #5 pierina 2013-02-11 21:44 @Salvatore:
Se leggerai Tripadvisor come ti suggerisce Cronachedigusto questi problemi, reali, saranno superati
Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Anna Sampino
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it