Banner
Banner
28
Giu

Il nostro appello ai vignaioli della Fivi: più Sud Italia nei vertici da rinnovare

on 28 Giugno 2016. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La provocazione

(Matilde Poggi, Leonildo Pieropan e Walter Massa)

di Fabrizio Carrera

Confesso che osservo con grande attenzione il lavoro della Fivi, la Federazione Vignaioli Indipendenti. Mi piace l'idea che sia un sodalizio che da otto anni raggruppa bravi artigiani, tanto appassionati quanto orgogliosi del loro lavoro, determinati e attenti a valorizzare i territori e i vini. 

Gente che in quello che fa ci mette la faccia. Leggo con attenzione le loro proposte, ascolto le loro riflessioni e soprattutto - altra confessione - bevo i loro vini che trovo spessissimo molto buoni. D'altra parte, mettete assieme alcuni nomi di vignaioli Fivi e ditemi se non vi piacciono i loro vini. Sono pronto ad accettare sfide.

Detto questo, se c'è una sbavatura nella galassia di questi Vignaioli Indipendenti, questa riguarda la loro capillarità geografica. La Fivi conta circa mille soci e, come abbiamo detto qui, la rappresentanza del Sud Italia è quasi inesistente. Sono pochi i soci Fivi del Sud Italia, davvero pochi a farne parte dalla Toscana in giù. Ed è un peccato perchè il Sud Italia è una parte importante del mondo del vino italiano, anzi, diremmo, una parte sempre più importante. Ed allora perchè non dare più rappresentanza dentro la Fivi al Sud Italia? In attesa di nuovi soci (cari vignaioli del Sud, datevi da fare) si potrebbe cominciare anche dall'alto per dare un segnale chiaro e inequivocabile. 

Domani pomeriggio a Piacenza c'è l'assemblea dei soci Fivi, all'ordine del giorno c'è il rinnovo delle cariche sociali. Il cda uscente conta 15 componenti tra cui il presidente Matilde Poggi che va verso una riconferma e i due vice Leonildo Pieropan e Walter Massa. A guardare la suddivisione geografica dei 15 emerge chiara la rappresentanza pressochè esclusiva del Nord Italia: tre del Piemonte, due della Lombardia, due del Trentino Alto Adige, uno della Valle d'Aosta, quattro del Veneto e tre della Toscana. Ma l'Italia non finisce a Montalcino o a Bolgheri, neanche quella del vino. Se ci fosse un turn over che tenesse in considerazione anche il Sud Italia sarebbe un bel segnale di incoraggiamento e di attenzione. E noi saremmo ben contenti di registrarlo. 


 

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it