Banner
Banner
18
Ago

Ecco il decalogo (semiserio) del buono chef. Edoardo Raspelli: "Vi racconto le mie 10 regole"

on 18 Agosto 2016. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La provocazione

Continua il nostro "viaggio" alla scoperta dei decaloghi (semiseri) del buon cliente, buon maître, buono chef, buon sommelier e buon pizzaiolo.

Oggi un notissimo personaggio della televisione, come Edoardo Raspelli, giornalista e tra i più bravi ed apprezzati critici enogastronomici (tanto che voci di corridoio affermano che si sia assicurato gusto ed olfatto per 500 mila euro), ci aiuterà a stilare un decalogo con le regole del buon chef. Il comandante della cucina, lavora spesso all'oscuro dai clienti, ma dalla riuscita dei suoi piatti dipende il successo del ristorante. 
Terzo appuntamento, dunque, con la nostra serie dei decaloghi, dopo quello sul buon cliente con Alessandro Pipero (leggi qui) e del buon maître con Enzo Vizzari (leggi qui).

Un buono chef rispetta le regole delle 3 T
Ho depositato uno slogan che spesso mi viene scopiazzato, si tratta della regola delle 3 T. Lo uso anche per gli chef: Terra, territorio e tradizione. Nei piatti che presentano devono esserci in giuste dosi queste tre componenti
 

Un buono chef dice stop alla fantasia sregolata
Fantasia al potere si diceva, ma qui mi pare che si stia esagerando. Gli chef, adesso, prendono una ricetta, accostano ingredienti spesso casuali e la stampa gastronomica fa complimenti a go go. Quando, molto spesso, i piatti sono davvero orripilanti
 
Un buono chef non usa nel menu “paroline strane”
Ok, leggere mousse va bene. Ma non tollero leggere schiuma, aria, fumo, arrosto di (qualche cosa non identificata). Ne ho le scatole piene. Una terminologia terrificante
 
Un buono chef non pensa di esser il più bravo, se lo fa dire
Stop al nazionalismo. I nostri vini… I nostri oli… Ecc ecc… Valorizziamo il nostro territorio, utilizziamo i nosri prodotti e che siamo i più bravi facciamocelo dire dagli altri.

Un buono chef non fa paragoni 
Cucina e basta. Non pensa ai colleghi francesi o spagnoli. Se lo fa con i prodotti regionali prima e nazionali poi, è meglio

Un buono chef dice basta ai prezzi alle stelle
Bisogna tenere conto di tutte le persone. Lo stesso discorso vale per noi giornalisti che dobbiamo tenere conto non dei vertici, ma di tutti: a me non frega niente di mangiare da Bottura o da Cracco. Io giro, dalla Sicilia e dalla Lombardia, cerco di trovare dei posti che siano alla portata di tutti. La ristorazione punti al vertice, ma non faccia inutili voli pindarici.
 
Un buono chef fa capire alla gente cosa gli ha dato da mangiare
Bisogna stare molto attenti. Lo chef deve istruirsi e deve istruire la gente, deve raccontare, attraverso quel prodotto che gli sta servendo, il territorio dove è stato prodotto

Un buono chef usa un linguaggio nel menu sempre chiaro
Non  scrive “spaghetti a modo mio”, “lasagne della nonna”. Basta. Si dica con chiarezza che tipo di piatto stiamo mangiando
 
Un buono chef va in televisione, ma si ricorda di essere un artigiano della cucina
Ok ai vari masterchef o similari, ma gli chef si ricordino che il loro mestiere principale è dare piatti alla gente. Non credetevi poeti, siete dei buoni artigiani, andate pure in tv, ma accertatevi di aver fatto scuola e, soprattutto, che i vostri discepoli che lasciate in sostituzione nel vostro locale, siano alla vostra altezza

Un buono chef non diventa cuoco dall’oggi al domani
Non tutti possono diventare chef, così come non tutti possono diventare critici gastronomici. Ormai tutti utilizzano strumenti come Tripadvisor e si sentono grandi giornalisti e critici. Io mi ritengo il critico gastronomico più largo e più bravo, ma non so cucinare. Così come Vittorio Sgarbi è il migliore critico d’arte, ma non sa dipingere

Giorgio Vaiana

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it