Banner
Banner
12
Mag

Proviamo a rilanciare l'Alcamo Doc?

on 12 maggio 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La provocazione

È una delle più antiche e dimenticate denominazioni siciliane. Incontro il 20 maggio alle 11 con i produttori nell'ambito di Vino & Olio. E sarà anche un'occasione per assaggiare...

È una delle più antiche denominazioni di origine controllate in Sicilia. Ma anche una delle più dimenticate. È la Doc Alcamo. Il nome è quella di una cittadina della provincia di Trapani. 

Un centro con radici agricole importanti, culla, per molti esperti, della lingua italiana. Basta percorrere qualsiasi strada nei dintorni di questa cittadina per comprendere quanto la viticoltura sia importante. Tutte le colline circostanti sono dominate da vigneti, in pratica il filo conduttore del paesaggio se si esclude il mare e il monte Bonifato che sovrasta. Ma il problema è che la Doc, nata nel 1972, e modificata due volte (l'ultima quasi sei anni fa) non ha un grande appeal. Molti produttori, anche quelli più rinomati nella zona, l'hanno di fatta abbandonata. Cercare vini a marchio Doc non è impresa facile. Oggi il disciplinare ammette varietà internazionali sia nei bianchi che nei rossi e poi è stata prevista anche la denominazione Alcamo Classico che consente solo l'uso di Catarratto, sia il comune che il lucido.

È probabile che si debba lavorare proprio sul disciplinare che, a nostro avviso, per dare identità a questo territorio (la Doc comprende i territori di nove comuni limitrofi ad Alcamo, da Partinico a Calatafimi) deve restringere e di molto i paletti. L'idea, insomma, che debba dare origine a qualcosa di esclusivo. Solo bianco e solo Catarratto? Perché no. Bianchi e rossi e quindi Catarratto, Nero d'Avola e Perricone? Potrebbe essere un'altra ipotesi. In ogni caso qualcosa di identificabile e meno dispersiva. Ed è probabile che si debba fare qualcosa anche sulle rese per ettaro. Che sono più o meno in linea con quelle di tutta la Sicilia è proprio per questo c'è spazio per restringere il tutto e dare un valore aggiunto. 

Di questo e di altro ne parleremo sabato 20 maggio alle 11 presso l'hotel Centrale di Alcamo in via Giovanni Amendola 24, con i produttori (sono tutti invitati) e gli addetti ai lavori. È invitato il sindaco di Alcamo Domenico Surdi ed anche il direttore dell'Istituto vino e olio di Sicilia Vincenzo Cusumano, tra l'altro alcamese doc. Ed ai produttori chiediamo di portare due bottiglie di Alcamo Doc, sarà l'occasione per assaggiarli e commentarli con i giornalisti presenti. E far partire qualche idea per rilanciare la Doc Alcamo. Spesso le denominazioni sono un volano. Ma solo se si lavora per fare bene e al meglio non c'è fine. E solo se si lavora tutti insieme con analogo entusiasmo. Proviamoci. We can try, direbbero gli inglesi. 

F. C. 

Share

Commenti  

 
0 #1 Laurent Bernard de la Gatinais 2017-05-13 20:03 Carissimo Fabrizio,
giusto alcune osservazioni.
La prima è che forse grazie ai produttori rinomati questa denominazione è ancora in vita. Noi vi abbiamo sempre creduto, ma Cusumano, Rallo ed altri non sono stati da meno.
In merito all'"appeal" della Alcamo DOC. Non è modificando in maniera restrittiva un già stretto disciplinare che si risolvono i problemi. Oggi la vera novità che possiamo inserire nel disciplinare è l'uso del nome Sicilia, come per'altro hanno fatto e stanno facendo altre DOC Siciliane. Oggi potremo finalmente spiegare al mondo che Alcamo si trova in Sicilia con una piccola modifica del disciplinare. Questo è il vero valore aggiunto che ci serve per rilanciare questa denominazione.
Per ultimo, pensiamo a quello che sta accadendo con la DOC Sicilia. Cresce a due cifre ogni anno sebbene sia l'esempio più lampante in quanto a territorio vasto ed eterogeneità dei produttori.
Un abbraccio e a presto.
Laurent Bernard de la Gatinais
Tenute Rapitalà S.p.A.
Citazione
 
 
0 #2 dario di bernardi 2017-05-15 13:51 Semplici case dei contadini, bianche di calce, o bagli,
ville e castelli della nobiltà terriera, di grande interesse storico e
architettonico, raccontano la storia di generazioni di uomini che hanno lavorato le vigne e vissuto questo territorio fin dall’antichità.
Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Anna Sampino
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it