Banner
Banner
31
Ago

Paese che vai, galateo che trovi: la classifica dei comportamenti più strani nel mondo

on 31 Agosto 2016. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La curiosità

Dal rutto libero al mangiare solo con la mano destra passando al non chiedere mai sale e pepe. Ecco come ci si comporta seduti davanti al cobo negli altri paesi

Quante volte vi siete sentiti dire, soprattutto da piccoli, “non masticare a bocca aperta”, “non parlare con il cibo in bocca”, “non appoggiare i gomiti sulla tavola”! 

Beh sembra proprio che le regole di bon ton a tavola continuino a perseguitarci anche da adulti, specialmente in vacanza in un Paese straniero. E se è vero che, come emerge dal sondaggio di lastminute.com, il cibo è uno degli elementi chiave per la vacanza perfetta degli italiani (57%), unito a quello di viaggiare fuori dall’Italia (64%), c’è da scommettere che i nostri connazionali avranno molto da raccontare in fatto di strane regole scovate in giro per le tavole del mondo.

Ecco allora una raccolta delle 10 regole del galateo più strane da rispettare a tavola in cui vi potete imbattere (o magari avete già avuto modo di sperimentare) in giro per il mondo:
 
Mai tagliare l’insalata col coltello




La Francia ci ha abituati a bizzarre regole e tradizioni in vari campi, ma tra queste ce n’è una davvero originale! Se state mangiando un’insalata in uno dei tipici tavolini dei bistrot francesi, non azzardatevi a tagliare le foglie con il coltello! Il perchè è presto detto: nel passato, quando i coltelli erano fatti d’argento, si ossidavano a contatto con l’aceto diventando neri. Anche se oggi il materiale usato non è più l’argento, la tradizione è rimasta intatta!
 
Gli anziani prima



La Corea del Sud è nota per la sua forte cultura tradizionalista fatta di totale rispetto per le persone più anziane. Quindi, se vi trovate a tavola con commensali locali, non toccate cibo prima che la persona più anziana al tavolo non abbia cominciato a mangiare. Potreste essere considerati estremamente irrispettosi.

Mano destra obbligatoria



In alcune regioni del Medio Oriente, dell’India e in alcuni paesi africani, i mancini hanno decisamente vita dura! Già, perchè quando si è a tavola è obbligatorio l’uso della mano destra per mangiare...alla sinistra toccano compiti molto meno “elitari” quali curare la propria igiene personale! Se proprio si è impossibilitati ad usare la mano destra a tavola, meglio scusarsi prima ma non toccare il cibo per nessun motivo!
 
Apprezzare il pranzo



Sì, parliamo proprio di lui: il ruttino libero quando si è in terra cinese! Qui, infatti, questa pratica non è considerata irrispettosa e maleducata come in quasi la totalità degli altri paesi, ma anzi è un segno di grande apprezzamento del pasto appena consumato e un modo per “ringraziare” il padrone di casa per l’ottimo cibo.
 
Noodles “sonori”



Se non fanno ‘rumore’, non si gustano propriamente! O almeno così dicono i giapponesi: quando si mangiano i tipici noodles si devono gustare facendo rumore. Aspirarli tra le labbra, inoltre, li raffredda più velocemente e contemporaneamente mostra apprezzamento per il piatto.
 
Non riempitevi il bicchiere prima degli altri



E sempre in Giappone, una regola non scritta è “non riempitevi mai il bicchiere da soli”. Sarebbe un’ammissione di alcolismo! Dovete per prima cosa riempire il bicchiere di chi vi siede accanto e aspettare che loro ricambino il favore. Inoltre, assicuratevi di non iniziare a bere prima che tutti al vostro tavolo abbiano il bicchiere pieno!
 
Finire una bottiglia può costarvene… un’altra



Succede in Armenia, dove chi ha la sventura di prendere l’ultimo bicchiere di una bottiglia è obbligato a pagare la successiva!
 
Mai chiedere sale e pepe



Non fatelo mai e poi mai se non volete offendere lo chef quando vi trovate in Portogallo! Chiedere sale e pepe, infatti, è considerato estremamente maleducato perchè vuol dire che il pasto servito manca totalmente di gusto.
 
Piatto pulito? Meglio di no



O almeno non in Cina! Se infatti in alcuni paesi pulire il piatto non lasciando resti di cibo significa averlo apprezzato tanto da averne mangiato fino all’ultimo boccone, in Cina l’interpretazione è totalmente differente! Vorrebbe dire che lo chef non ha cucinato abbastanza cibo da sfamarvi…se non volete offenderlo dunque, meglio lasciare qualche briciola e dimenticarvi la tanto amata ‘scarpetta’!
 
Cappuccino? Sì ma solo a colazione



E in Italia? Una delle abitudini che gli stranieri mostrano quando visitano l’Italia, e che fa inorridire gli italiani, è bere il cappuccino a pranzo o a cena come bevanda principale per accompagnare pasta o pizza! Ci rivolgiamo a voi allora, turisti inglesi e tedeschi, la prossima volta che venite in Italia evitate questa strana abitudine.

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it