Banner
Banner
23
Dic

Pranzi e cene a Natale e Capodanno. Dieci piccoli consigli per godersele al meglio

on 23 Dicembre 2016. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La curiosità


(Una scena tratta dal film La grande abbuffata, del 1973)

Ci siamo. Da domani sera, tra cene, pranzi, spuntini di mezzanotte, eccettera eccetera, sarà l'inizio delle Feste 2016/2017.

C'è chi andrà al ristorante, chi rimarrà a casa con amici, oppure lo trascorrerà in famiglia. Sono quattro le grandi "prove" da superare, non considerando gli extra. E tenenedo conto che quest'anno il calendario non aiuta con "ponti e ponticini". La cena del 24, il 25, poi il cenone del 31 e il pranzo del primo dell'anno. Ed ecco, allora i nostri consigli per godersi al meglio questi giorni pieni di festa.

Uno: Niente piatti e bicchieri di plastica. Sono orribili e non sostenibili. Usate piatti e bicchieri veri. Usate la lavastoviglie, sacrificatevi a lavarli ma ne vale la pena. Con i piatti e i bicchieri appropriati è tutta un'altra storia. 

Due: Se proprio volete tirate fuori i vostri servizi migliori. Quelli dei regali di nozze, quelli più pregiati. Piatti, vassoi, posate d'argento. Le cose che abbiamo vanno vissute e utilizzate. Godiamocele. Sono belle e aiutano a migliorare il nostro umore. E se qualcosa si rompe, pazienza. Almeno ne possiamo parlare. 

Tre: Non siamo per menù vegani e vegetariani. A tavola bisogna essere ecumenici senza manicheismi. Sono inaccettabili. Rispetto per tutti. E va bene ogni sforzo per accontentare tutti. Ma niente esasperazioni. O categorie dello spirito.

Quattro: E se proprio volete dare un senso ai vostri pasti per le feste meglio il filo conduttore del salutismo. Ed allora legumi e verdure, pesce e ortaggi siano i protagonisti. Senza troppi condimenti. Una zuppa di lenticchie fatta come Dio comanda può diventare un grande piatto anche per le a Feste e non solo per condire il cotechino la sera del 31.

Cinque: Mangiate piano. Masticate lentamente. Godetevi il cibo e il vino. Aumenterete il vostro senso di soddisfazione e raggiungerete prima il livello di sazietà. Così il giorno dopo non sarà una fatica svegliarsi e ricominciare (a mangiare).

Sei: Anche il vino è importante. Senza vino che festa sarebbe? Ma qui non parliamo di tipologie od etichette. Ognuno scelga quelle che vuole o che può permettersi. Ma almeno cercate un calice il più appropriato possibile. Non è importante solo il contenuto. Ma anche il contenitore. E un bicchiere può cambiare il vino come il giorno con la notte. Garantito.

Sette. Spegnete i vostri cellulari. Godetevi la compagnia degli amici o della famiglia. Approfittatene per ricordare i vecchi tempi, o semplicemente per parlare amabilmente senza avere gli occhi puntati su uno schermo luminoso.

Otto. E' la naturale prosecuzione del punto sette. Non fotografate il cibo e postatelo sui social. Le Feste sono un affare di famiglia, una cosa privata, che va custodita tra i propri ricordi intimi. Cosa può importare agli altri se ho mangiato una fantastica lasagna cucinata da mia zia? Torniamo un po' alla normalità e semplicità.

Nove. Coccole dolci. Non c'è occasione migliore per lasciarsi andare alle tentazioni dolci. Mangiamo (senza esagerare) le cose tipiche del periodo, in base alla vostra regione. E se è il caso, proviamo cose nuove. E' il periodo giusto per farlo.

Dieci. Dieta. Si dice che l'Epifania tutte le Feste si porti via. Beh, è anche il giorno che segna la fine delle abbuffate. Allora torniamo ad un regime severo di alimentazione, tisane depuranti e tanta attività fisica. La prova costume, alla fine, non è poi così lontana.

C.d.G.

 

 
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it