Banner
Banner
17
Gen

ANTEPRIMA. Un pastificio all'Ucciardone. Penne e rigatoni prodotte dai detenuti

on 17 Gennaio 2018. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La curiosità

La pasta prodotta col nome del carcere palermitano dove è stato allestito un piccolo stabilimento. Il know how è dell'imprenditore Mimmo Giglio che provvederà anche alla commercializzazione


(Mimmo e Giuseppe Giglio)

C'è un primato storico da rivendicare. La voglia di riscatto sociale di chi è finito in carcere. La visione di un imprenditore sempre pronto a nuove sfide. Il volto benevolo di uno Stato disposto ad offrire un'opportunità di rieducazione. E l'egida di Slow Food a riconoscere il valore umano e culturale dell'iniziativa che punta ad una filiera cortissima. 

Se non è la quadratura del cerchio, poco ci manca. Tutto questo accade a Palermo dove è nato un pastificio all'interno del carcere borbonico dell'Ucciardone. Luogo di detenzione per mafiosi e delinquenti, simbolo di misfatti e tanto altro, ora potrà diventare anche qualcosa di diverso. La tristemente nota quinta sezione è stata ristrutturata da poco ed adesso ospita un pastificio nuovo di zecca finanziato dal governo nel quadro delle iniziative volte a fornire occasioni di lavoro per chi si trova tra le sbarre. Ed a fare la pasta infatti saranno alcuni detenuti, all'Ucciardone per scontare lunghe pene definitive. I pacchi di pasta, manco a dirlo, avranno il marchio Ucciardone. Usciranno dal carcere rigatoni, penne, mezze penne, casarecce ed altri formati corti per il momento. Poi si provvederà a realizzare anche i formati più lunghi come gli spaghetti. Parla con orgoglio del progetto Mimmo Giglio, l'imprenditore che col figlio Giuseppe ha sposato l'idea, fornendo il know how, formando i detenuti e impegnandosi a commercializzare la pasta Ucciardone in Italia e all'estero.


"È un brand forte, lo conosce mezzo mondo", dice a mo' di battuta Giglio. Che ha, è il caso di dire, le mani nella farina da trent'anni a questa parte con un laboratorio di pasta fresca nel cuore della Palermo più antica. Uno di quegli indirizzi solidi, puro riferimento per grandi appassionati di tagliatelle e ravioli. Dice ancora Giglio: "Abbiamo formato una decina di detenuti, quattro saranno subito al lavoro, alcuni di loro sono in carcere per reati anche gravi come omicidio. L'impianto è nuovo e moderno e potrà produrre 400 chili di pasta all'ora. Per il momento si faranno formati corti, poi anche gli altri. Per noi è anche un motivo di orgoglio: condurre una missione dal forte valore sociale  in una città come Palermo che è la culla della pasta di grano duro. Tutto è nato qui, come è documentato dagli storici, e quindi è il momento di farlo sapere al mondo con un marchio come quello dell'Ucciardone che fino ad oggi ha evocato ben altro".

E poi c'è la filiera corta: perché la farina utilizzata per fare la pasta sarà solo quella del tipo Perciasacchi, per il momento, quindi un grano tipicamente siciliano, coltivato in un campo sperimentale di alcune decine di ettari. Ma ci sarà spazio per altri grani siciliani non appena il progetto prenderà forma. Tutto questo ha fatto andare in solluchero quelli di Slow Food che sarebbero disposti a battezzare l'iniziativa. Giglio ha anche già le idee chiare per la vendita. Ha trovato alcuni acquirenti e spiega che la pasta sarà molto buona. E sottolinea anche la bravura della direttrice del carcere Rita Barbera che ha seguito tutto l'iter del progetto con tutto il suo staff. Il logo per la pasta è quasi pronto e raffigura una sorta di sole con alcuni raggi. Che è poi l'Ucciardone visto dall'alto. Dalle pene (da scontare) alle penne (da mangiare).

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY