Banner
Banner
21
Mag

Ecco cosa è piaciuto della Sicilia ai master of wine

on 21 maggio 2012. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La curiosità


I MW in visita in Sicilia tra i vigneti

Il territorio dell'Etna con i suoi Nerello Mascalese, Carricante, ma anche  Nero d’Avola, Grillo e Insolia  le varietà più apprezzate, specie se in blend.

Queste le prime impressioni di alcuni dei 22 Master of Wine che hanno visitato la Sicilia del vino in un viaggio studio, durato una settimana, promosso da Michele Sah srl e dall'Irvos. Sono state carpite durante la cena di chiusura del tour organizzata dall'Istituto alle Terrazze dell'Hotel Centrale, in Corso Vittorio Emanuele a Palermo.


I Master of Wine mentre degustano in una cantina durante il loro tour in Sicilia




Certo è che ritrovarsi a un tavolo con alcuni dei massimi esperti del settore e sentirli parlare della nostra terra con grande entusiasmo, fa un certo effetto. La loro presenza sull'Isola, evento unico che ha visto anche la delegazione accompagnata dal presidente Lynn Sheriff, rappresenta "un passo importante per la promozione del brand Sicilia all'estero", proprio come ha affermato il direttore generale dell'Irvos Dario Cartabellotta alla presentazione della cena.


Secondo i Master of Wine John Hoskins, Jane Boyce, Tim Atkin, Christy Canterbury and Pedro Ballesteros Torres, sarebbe riduttivo considerare la Sicilia una regione in ragione della biodiversità dei suoi terroir, la cosa che li ha più impressionati. Per loro l'Isola che si sono trovati davanti è un vero e proprio continente. Torres parla a nome dei colleghi e punta l'accento su tutte quelle caratteristiche che variano da una provincia all'altra e che rendono la Sicilia un territorio unico. In generale, secondo il loro modo di interpretare e considerare un vino, non esprimono una preferenza in particolare, bensì apprezzano quelle caratteristiche che secondo loro deve avere un vino pensato per  incontrare un gusto internazionale e che quindi si avvicini a quegli standard o caratteristiche che possono esprimere varietà come il Pinot Grigio o lo Chardonnay. Deve essere fresco, fruttato, con sentori floreali. I bianchi possono essere anche in blend, purché ben bilanciati e anche tra varietà autoctone ed internazionali, come il Grecanico, lo Chardonnat, Insolia e lo Chardonnay. 


Foto di gruppo dei MW alla cantina sperimentale G. Dalmasso di Marsala



Nel giudizio sui vini, durante la chiacchierata, si è riscontrata molta coerenza, pareri unanimi. Ed è emerso il grande interesse nel volere scoprire i tesori della nostra Isola. Non solo i vini ma tutto ciò che gravita attorno ad essi, dalla ristorazione all'hotellerie. 


*Foto di Giuseppe Nasca

 

Maria Antonietta Pioppo

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY