Banner
Banner
Banner
07
Ott

Tutela Made in Italy, cento miliardi di euro che se ne vanno

on 07 Ottobre 2013. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il dibattito

I disciplinari sono troppi, per promuovere e difendere il made in Italy nel mondo si dovrebbe puntare su un unico brand e sui distretti.

E’ una delle strategie su cui personalità del settore agroalimentare e produttori discutono da tempo e che è stato uno dei temi caldi all’incontro Tastethe  Mediterranean che si è tenuto a Roma al Centro Congressi Cavour promosso  dal Ministero delle Politiche Agricole, Forestali e Alimentari. Occasione per fare il punto sul valore economico della Dieta Mediterranea al quale hanno partecipato i rappresentanti del Ministero e dei Paesi firmatari Croazia, Spagna, Portogallo, Grecia, Dalmazia, oltre all’Italia, e i referenti delle Università di Zagabria, Barcellona, Ca’ Foscari di Venezia, Università Tor Vergata di Roma, l’Università di Messina e della Calabria.

L’Italia è il Paese che vanta ben 4800 solo di prodotti certificati, ed è quello che ogni giorno si ritrova più di tutti gli altri da un lato a difendere con il coltello tra i denti il proprio patrimonio sullo scenario globale, oltre che in casa, e dall’altro a mobilitarsi per promuoverlo. Non bastano le azioni di denuncia e controllo ad opera di associazioni ed enti preposti al controlli, la questione della tutela del Made in Italy passerebbe prima di tutto e soprattutto dal fare massa critica sotto una unica immagine territoriale fortemente identitaria, in modo da contrastare la confusione e la speculazione che dilagano sulla produzione italiana nel resto del mondo.  O quanto meno da contenere una comunicazione sbagliata che, di fatto, stende il tappeto rosso a chi con il marchio Italia vuole fare business,  e tra questi anche gli italiani stessi, come si può desumere dal servizio della Cnn mandato in onda al tg e che documenta la preparazione della mozzarella in un caseificio di Dubai di proprietà di imprenditori italiani. Episodio a cui si è riferito Giampietro Comolli, fondatore dell’Osservatore Economico Italiano e relatore alla tavola rotonda. “Se questo è il risultato di cinquant’anni di disciplinari di produzione e di una Europa che ha voluto  dare oneri ai produttori per poi far accadere tutto questo allora urge immediatamente che si riveda il valore e la riscrittura stessa dei disciplinari – puntualizza -. Si deve agire con decisione a livello normativo per marcare la distinzione tra Italian Style e Made in Italy. Basterebbe prendere come riferimento  la normativa del vino che riguarda l’uso del termine vitigno sull’etichetta e poi indicare che produzione, lavorazione, stagionatura e invecchiamento delle materie usate siano svolte nell’ambito del territorio italiano”.

Un ferro dietro la porta che frenerebbe la crescita di un cannibalismo a doppio filo, del 10% l’anno, ad opera dei grandi gruppi stranieri della grande distribuzione e delle multinazionali che stanno facendo bottino di marchi italiani. “Auchan, per esempio, nei suoi punti vendita in tutto il mondo – prosegue sempre Comolli  - sta piazzando una quantità enorme di prodotti che non sono totalmente italiani accanto a quelli Made in Italy. Ha capito che la nostra bandiera frutta. Tutto il sistema agroalimentare Italiano vale oggi 250 miliardi di euro, in termini di valore diretto e indiretto -  spiega ancora Comolli -  cioè in termini del valore della commercializzazione, della distribuzione, dell’occupazione, dei canali di vendita, dei sistemi di carattere promozionale ed economico che ruotano attorno ad esso, e quindi anche l’enoturismo, la gastronomia. Una cifra pari al pil di un Paese che occupa il trentesimo posto della classifica mondiale. L’agropirateria è arrivata a valere 65 miliardi di euro e la vendita di prodotti  tricolore all’estero da parte di aziende straniere e italiane altri 35 miliardi”. I calcoli su quanto perde il vero Made in Italy sono facili e anche pesanti.

C’è poi la questione della valorizzazione delle specificità territoriali e direttamente legata a questa la diffusione del concetto di Dieta Mediterranea non come mero elenco di materie prime e ricette, ma come espressione di civiltà e cultura alimentare caratterizzata da peculiarità ben precise che sono diverse da nazione a nazione, un patrimonio ricco di biodiversità che va difeso a tavola. “Quello che consigliamo ai Paesi non europei come Marocco e Tunisia e a quelli neo entrati come la Croazia, è di partire subito con la tutela dei prodotti agroalimentari puntando appunto sulla massa critica che il mondo globale richiede, e quindi sull’identità territoriale e di non fare invece gli stessi errori che ha commesso l’Italia”, conclude Comolli. 

M.L.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Isidoro La Lumia, 98
90139 Palermo
tel. 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it