Banner
Banner
10
Mar

Carlo Petrini: ecco la formula per uscire dalla pornografia alimentare

on 10 Marzo 2012. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il dibattito

“Dar vita ad un'economia nuova che sia il frutto del dialogo tra il sapere tradizionale e la scienza ufficiale”.

Sta qui secondo Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, la formula per uscire da quella “pornografia alimentare”, come lui stesso l’ha definita, della quale siamo attorniati. “Solo quando i contadini verranno trattati come i dentisti si vincerà la battaglia”. Ha aggiunto Petrini durante la sua “lezione” nell’aula Magna G. Ballatore della Facoltà di Agraria dell’Università di Palermo.

Petrini è stato infatti ospite del quinto seminario sul sistema vitivinicolo organizzato dall’Istituto Regionale Vini e Oli di Sicilia (IRVOS)  e dal dipartimento “DEMETRA” della facoltà di Agraria.
 


Carlo Petrini a lezione nell'aula Magna della Facoltà di Agraria a Palermo


Un excursus sul cibo, sulla nascita e sulla mission di Slow Food, sul vino. Queste le tematiche che Petrini (proprio a Palermo ha ricevuto la laurea honoris causa in Scienza e Tecnologie Agrarie) ha affrontato sapendole rendere interessanti e nuove alla folla di studenti che hanno preso parte al seminario.

“Bisogna tornare a dare valore al cibo – ha affermato -. Il cibo non è una merce, il cibo non è un prezzo. Ma il cibo è sapienza, sacralità, memoria, identità. Nella mercificazione del cibo sta tutta l’essenza della nostra povertà”. Made in italy:  “se ne fa un gran parlare, ma cosa c'è dietro no: la fontina e' fatta dai maghrebini. Diceva Pasolini nel '68: "Senza artigiani e contadini l'Italia e' morta". Se non prendiamo provvedimento al più presto con formule alternative, presto tutto questo si realizzerà”. Sulla scia di quest’ottica cosi secondo Petrini “non esistono prodotti di nicchia, ma tutti devono avere il diritto alla qualità alimentare. Quindi occorre un giusto prezzo che riconosca il lavoro di chi sta a monte della produzione e distrugga questa logica perversa che ha portato l’industrializzazione nell’agricoltura”. Perché “il gusto è sapere che gode”.
 

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY