Banner
Banner
30
Nov

"Il nuovo linguaggio del cibo, la parola al web e agli chef"

on 30 November 2012. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il dibattito


Massimo Montanari

Duemila partecipanti e diecimila persone collegate in streaming.

Ecco la grande attenzione che hanno suscitato i dibattiti su alimentazione e salute, su sprechi e sostenibilità affrontati al Barilla Center for Food an Nutrition, tenutosi a Milano. Si sono confrontati 60 relatori provenienti da vari Paesi del mondo e i massimi esperti nel campo della nutrizione e della ricerca. Grande successo per la quarta edizione dell’iniziativa voluta per gettare le basi di nuovi studi e progetti che possano contribuire a dare risposte alle problematiche legate all’alimentazione e all’agroalimentare.

L'ultima giornata di incontri ha visto la partecipazione anche Massimo Montanari, professore di Storia dell'Alimentazione dell'universita' di Bologna, che ha condotto una riflessione sul linguaggio del cibo. “Da sempre gli uomini parlano di cibo . ha esordito - E la trasmissione orale di ricette, diete, idee per l'accoglienza, si eè sempre dimostrata la più efficace. Il cibo è una forma di linguaggio straordinario, dotata di propria sintassi, retorica, ed è particolarmente efficace in quanto quotidiano, concreto, capace di trasmettere complessità in modo apparentemente semplice. In questo contesto, il sentito dire, l'informazione indiretta, il consiglio del medico di famiglia hanno avuto quella centralità che oggi hanno i social media. I blog sono la nuova forma di comunicazione del cibo e hanno da una parte una enorme forma di persuasione dall'altra il pericolo di informazioni non controllate''.

E’ cambiato il contenuto del linguaggio per il professore. “Un tempo -  ha osservato Montanari - i medici così come la ricetta della nonna usavano il linguaggio dei sensi: caldo, tiepido, ad esempio, compatibili appunto con l'esperienza sensoriali. Oggi si parla di vitamine e calorie, non più controllabili dalla sensorialità del consumatore, ed è perciò ancora più importante la veridicità delle informazione su web, Twitter e Facebook. Va quindi - a giudizio dell'esperto di storia dell'alimentazione - accentuata la precisione di linguaggio, valorizzata la divulgazione scientifica, accentuati gli aspetti culturali ed emozionali che ieri come oggi ruotano attorno al cibo''.

Di questa evoluzione ne sono testimoni gli stessi chef. Lo  spagnolo Ferran Adria', il padre della cucina molecolare e l'ex patron del locale cult El Bulli, ha adesso lanciato sul web bullipedia.com. Massimo Bottura de La Francescana, comunica il valore del cibosul suo sito, osteriafrancescana.it. Anche il Noma di Copenaghen, decretato il migliore ristorante del mondo, fa cultura del gusto e la lega alla cucina del suo territorio su noma.dk.

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY