Banner
Banner
27
Feb

Il territorio del Parmigiano Reggiano si candida a Patrimonio dell'Unesco. Deserti, direttore Consorzio: "Abbiamo tutte le carte per farcela"

on 27 Febbraio 2013. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La proposta

Il territorio dove nasce il re dei formaggi italiani, l'eccellenza casearia che ci rappresenta in tutto il mondo, si candida a Patrimonio mondiale immateriale dell'Unesco.

L'areale che comprende l'Emilia Centrale e la Bassa Lombardia, terra del Parmigiano Reggiano, punta all'inserimento nella prestigiosissima lista dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura che raccoglie i siti e le opere che rappresentano eccezionale importanza dal punto di vista culturale e naturalistico.

Il progetto è seguito dal club Unesco di Reggio Emilia in collaborazione con il Consorzio del Parmigiano Reggiano. Lo studio redatto per la candidatura verrà presentato venerdì nell'Aula Magna dell'Università di Modena e Reggio Emilia. Riccardo Deserti, direttore del Consorzio del Parmigiano Reggiano, ci ha dichiarato in anteprima: “Lo spirito con cui il Consorzio guarda a questa opportunità è di assoluto favore e attenzione. Riteniamo assolutamente auspicabile questo riconoscimento per il nostro territorio, la sua cultura e tutti gli aspetti immateriali che lo compongono e lo rendono unico e di cui il Parmigiano Reggiano è il prodotto materiale. In questo senso non siamo gli attori principali di questa candidatura, che riguarda soprattutto l’identità del territorio, ma in quanto tale ci piace pensare al formaggio Parmigiano Reggiano come ad un guanto che calandosi sul territorio trasforma l’immateriale in materiale”.

Le carte per potere ambire a tale riconoscimento quindi ci sarebbero tutte. "L'iniziativa - sottolinea in una nota Silvio Cari Gallingani, curatore dell'iniziativa per il Club Unesco di Reggio Emilia - parte dalla considerazione che questo territorio rappresenta un 'unicum' particolare, caratteristico, complesso e delicato che si è modificato nel tempo per opera di una pluralità di fattori umani, storici, culturali, ambientali e che, come tale, sia degno di particolare valorizzazione e tutela". 

Daniela Corso

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it