Banner
Banner
30
Mar

La ristorazione italiana ritorna a chiedere i vini siciliani

on 30 Marzo 2012. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La fiera

 

Sono tornati gli operatori italiani e si è consolidato il ruolo dell'export per le piccole e medie cantine. Il Vinitaly per la Sicilia si è chiuso all'insegna di segnali anti-crisi.

Formula consolidata che ha favorito gli incontri commerciali, quest'anno ben 330 (circa il 30% in più rispetto al 2011), è stata la tre giorni di Taste & Buy con 112 aziende partecipanti e 90 buyers internazionali. 

Alto l'umore dei produttori di rientro in Sicilia alla luce anche delle buone prospettive di recupero del mercato interno. Una maggiore presenza di operatori del settore Horeca, dovuta anche al nuovo calendario del salone, ha dimostrato come il giro d'affari sia in aumento soprattutto nella grandi aree metropolitane del Centro e del Nord Italia, con i ristoranti di Milano e Roma che guardano ai vini della Sicilia e del Sud Italia per rispondere ad una domanda del consumatore sempre più orientata su una scelta di qualità e di territorio. 

La carta vincente che avrebbe assicurato alla Sicilia il successo sarebbe stato proprio il legame tra tipicità ed eccellenza enologica. 

Numeri alla mano, da una prima analisi alla chiusura del Vinitaly emergono dati interessanti e in prospettiva esaltanti: cresce l’attenzione dei paesi emergenti (Asia, Brasile, Europa dell’Est)  ritorno di fiamma dei mercati storici, principalmente quello nord americano,  ripresa netta del giro d’affari con la ristorazione italiana che ritorna a bussare alla porta delle aziende siciliane. 

“E' un consuntivo felice quello che possiamo trarre da questo Vinitaly - sottolinea Dario Cartabellotta, Direttore dell'Irvos - non solo per la vivacità commerciale registrata dalle nostre aziende ma anche e soprattutto per la visione di unità che questa Sicilia offre ai suoi diversi interlocutori, anche in vista dell'entrata in vigore della Doc Sicilia. Un tempo - prosegue - gli affari si concentravano su alcuni grandi marchi storici,  oggi anche le piccole aziende riescono ad avere un mercato e a costruire relazioni commerciali stabili con l'estero, frutto di un cambiamento generazionale che ha consentito alle aziende di accrescere il loro know how. Anche, in questo caso, il modello da noi sposato di rappresentare la Sicilia del vino,  con tante Sicilie che convivono sinergicamente tra loro, risulta appropriata e vincente. Una Sicilia del vino più plurale risponde meglio alle pluralità espresse dal mercato, soprattutto internazionale. L'appeal della Sicilia si è rafforzato con le peculiarità dei singoli contesti produttivi della nostra isola".

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY