Banner
Banner
22
Feb

Grappa del mese: Grappa dell’Etna di Giovi/ 2

on 22 Febbraio 2016. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La grappa del mese

di Gianni Paternò

Della storia professionale di Giovanni La Fauci, della sua capacità manuale di autocostruirsi gli alambicchi, delle sue doti di fuochista per distillare grappe splendide da alambicchi a fuoco diretto, della sua passione per sperimentare nuovi prodotti distillando la frutta più disparata abbiamo scritto qui

Aggiungiamo che in considerazione che il mercato comincia a chiedere grappe più alcoliche, quindi più ricche di profumi in cui però l’alcol non sia pungente nonostante i circa 60°, grappe da assaporare a lievissimi sorsi, in punta di lingua, molte aziende vinicole le stanno commissionando a Giovanni che da tempo si era cimentato con successo nei distillati ad alto grado.


(Il primo alambicco)

Oggi trattiamo la degustazione e le caratteristiche della Grappa dell’Etna. In un periodo dove vanno di moda le grappe invecchiate, in genere più morbide, più facili, qualche volta ruffiane, ma indubbiamente meno caratteristiche, Giovanni ci ha inviato quella che lo emoziona particolarmente perchè più tipica e perchè legata ai suoi vigneti, quella dove oltre la bravura ci ha messo il cuore, quello suo e quello della grappa.


(Il vigneto dell'Etna)

Cominciamo dal vigneto, è di sua proprietà e si trova a Randazzo. Siamo a 600 metri di altezza e i vitigni sono quelli classici: Nerello Mascalese e in parte Cappuccio, Carricante. Da uno che si è costruito gli alambicchi con le sue mani, che distilla personalmente ed esclusivamente cosa vi aspettate? Chiaramente che anche il vino lo faccia da solo, facendo l’enologo oltre che il contadino. Si serve della cantina di una nota azienda della zona e utilizza le proprie vinacce. Quelle rosse, già fermentate, le distilla immediatamente e come tocco da maestro ve ne aggiunge circa il 20% di bianche da Carricante che deve far fermentare. Così facendo arricchisce i profumi, li rende più eleganti e affascinanti. Distilla quindi separatamente e subito miscela i due prodotti che fa affinare in acciaio per non meno di 2 anni. Poi aggiunge l’acqua di una sorgente alimentata dalle acque pure provenienti dalle rocce granitiche delle montagne sopra Valdina.


(Gli alambicchi che si è costruito Giovanni La Fauci)

Abbiamo già detto che in controtendenza i suoi alambicchi sono a fuoco diretto. Questa non è la sola particolarità in quanto Giovanni distilla in maniera classica, all’antica, quindi senza colonna di rettificazione. Spieghiamo brevemente il metodo: le vinacce sono distillate nell’alambicco e fuoriesce un liquido detto flemma ancora grezzo e comprensivo delle varie impurità con un grado alcolico di circa 20°. Mentre la colonna funge da dealcolatore concentrando l’alcol e separando teste e code da eliminare, Giovanni distilla la flemma una seconda volta così la separazione delle parti da scartare è più netta ricavando un distillato purissimo. Metodo più costoso e risultato migliore anche perchè con le colonne si deve aumentare la pressione mentre con la bidistillazione il processo è più dolce e più lento. Non aggiunge zucchero.
 
Versata nel piccolo calice è incolore e brillante. Avvicinata al naso è fine, franca ed intensa, si esprime con note vegetali: paglia, fieno, erba dei prati dopo una pioggerellina, un lieve sentore di pietra focaia memore dei terreni vulcanici da cui proviene. Il piccolo sorso rivela un’iniziale grassezza che poi l’alcol trascina via, alcol morbidissimo, 42 gradi, affatto pungente che dona equilibrio, mantiene la fragranza olfattiva, sottolinea la complessità. Lunga, sempre fine ed elegante.
 
Sono 1.500 bottiglie da mezzo litro e il prezzo allo scaffale è 23 euro. La distribuzione è curata da Le Trazzere del Gusto, l’azienda che commercializza molte delle chicche siciliane di eccellenza.
 
Distilleria Giovi
via Valdina 30
98040 Valdina (Me)
tel. 090 9942256
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.distilleriagiovi.it
www.letrazzeredelgusto.it
 

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it