Banner
Banner
10
Feb

La birra della settimana - La Saison del birrificio Aosta

on 10 Febbraio 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La Birra della Settimana

di Mauro Ricci

La nostra storia, questa volta, arriva dall’ombra dei ghiacciai e delle montagne imponenti della Valle d’Aosta.

Alcuni amici presi da curiosità, se non proprio da passione fondano con entusiasmo e danno vita al primo birrificio della valle, dieci anni fa. Il successo, però, arriva lentamente e dopo alcuni anni gli entusiasmi si vanno spegnendo lasciando il posto a qualche dubbio e a una certa stanchezza. Intanto arriva in valle dalla Svizzera, dove lavora da tempo nei cantieri edili, un vivace vulcanico personaggio che si porta dietro una passionaccia per la birra che lo accompagna fin dalla più giovane età. Si tratta di Domenico Cavallaro, in arte Dominik, nato e cresciuto a Catania. "Ho passato la mia giovinezza frequentando i numerosissimi pub cittadini (alla fine degli anni ’90 la città ne contava più di Dublino) - racconta Dominik - quando cominciarono a arrivare le prime birre “strane”. Fu amore a prima vista e galeotta fu una Orval, anche se all’epoca nessuno era in grado di spiegarti perché fosse così buonissima".


(Domenico Cavallaro)

Dominik aveva cominciato come assaggiatore di vino e in Val d’Aosta ha anche una piccola produzione di Fumin (da un vitigno autoctono), ma intanto frequenta un corso annuale, a Padova, per beersommelier, all’Accademia Dieffe e fa uno "stage" presso il birrificio che aveva vicino casa. Il suo percorso verso la birra si incrocia, a questo punto con le sorti del birrificio Aosta. Questo incontro è l’evento che rende irreversibile per Dominik la malattia che non ha cure o antidoti, la passione per la birra. Il suo temperamento incontenibile lo porta subito a fare una proposta per la ristrutturazione dell’allora magazzino del birrificio Aosta e la creazione di una Tap Room, un pub insomma di cui si prende cura personalmente dedicandolo soprattutto alla divulgazione della cultura della birra. ”Portai avanti il progetto con i soci di allora e cominciai a tenere dei piccoli corsi a un pubblico ancora timido e irresoluto - dice - Intanto studiavo presso la prestigiosa Doemens Academy frequentando il Masters of Beer”.


(Il pub - ph Enrico Romanzi)

I soci del birrificio Aosta erano sempre meno convinti di proseguire nella loro avventura e la disaffezione cresceva. Dominik, abbandonato ogni indugio e lasciata ogni altra attività, rileva la società e pieno di entusiasmo e passione rilancia l’azienda rinnovando la produzione e la gestione del locale, rafforzandone l’immagine di socialità e cordialità fortemente inclusiva. Vengono ripensate, strategicamente, tutte le birre che dovranno essere facili, riconoscibili negli stili di ispirazione di carattere attuali. Si cercheranno collaborazioni con altri birrifici, si proveranno ricette nuove e ben ideate e in tutto questo la collaborazione del birraio, Fulvio Beata, saraà essenziale. Nasce cosi la linea delle birre quotidiane che vanno dalle aromatiche americane, Ipa o Pale Ale o l’ibrida American Porter, a quelle di bassa fermentazione, la tedesca Hefeweizen o la precisa quasi austera entusiasmante After the Pils, con luppoli tedeschi e americani, in collaborazione con il birrificio di montagna Elvo, birra che esprime nella sua semplicità l’anima e il senso dei due partecipanti, a una Iga con il mosto di Fumino, di bella e facile bevuta fin dalla prima edizione, a quelle di ispirazione belga fra le quali la saison è la più rappresentativa delle idee di Dominik.


(La tap room)

La schiuma della saison si appoggia su un liquido di bel colore ambra scarico, aromi e profumi austeri asciutti leggermente speziati, ispirata alle "ale" belghe “di campagna”. La bevuta è equilibrata fra un leggero amaricante su un malto morbido che ben si raccorda con una alcolicità leggera e chiude con una secchezza che aiuta a dissetare e a lasciare un senso di bella soddisfazione. Viene poi impostata la linea delle birre speciali che prevede, oltre alle Iga e alle collaborazioni come quella con Elvo, birre maturate in botte di vino, altre a fermentazione spontanea in una proiezione  di ampio respiro con una pianificazione da rivedere di anno in anno per definire le birre che reggeranno il birrificio e quelle di ricercata qualità per una offerta variata e tale da soddisfare anche richieste piuttosto esclusive,ma sempre,possibilmente legate con chiarezza alla tradizione.

Rubrica a cura di Andrea Camaschella e Mauro Ricci


Birrificio Aosta
Località Grande Charriere - Saint Christophe (Ao)
t. 0165 31604
www.birrificioaosta.it

 

 

 

   

 

 

 
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY