Banner
Banner
15
Feb

Due o tre cose che sappiamo sui premiati di Best in Sicily 2018

on 15 Febbraio 2018. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Best in Sicily 2018

La prima parte di una carrellata su chi ha vinto il nostro riconoscimento. Appuntamento lunedì prossimo al teatro Massimo di Palermo


(In alto: Pietro Di Venti, Eugenio Giacomazzi, Filippo Amodeo, Marco Gianino
In basso: Maurizio Santin, Salvatore Geraci, Gianfranco Tuoro) 

La Sicilia migliore che staniamo e per la quale sfatiamo il "nemo propheta in patria" è pronta a sfilare sul palco del teatro Massimo di Palermo. Lunedì prossimo è l'undicesima edizione di Best in Sicily, il riconoscimento ideato e organizzato da Cronache di Gusto e dedicato alle eccellenze del gusto e dell'ospitalità. Ed allora, come di consueto, scopriamo i protagonisti del premio di quest'anno presentandoli in ordine di apparizione. 

Partiamo quindi dal Migliore Produttore di Vino, Salvatore Geraci, il patron di Palari, una piccola cantina abbarbicata sui monti Peloritani che guardano lo Stretto, a Messina. Geraci, nella vita è un affermato architetto e poi vignaiolo. Ma il vino per lui non è una seconda attività ma molto molto di più: una ragione di vita, una metafora esistenziale. Ed è anche per questo che produce, secondo noi, il migliore rosso che la Sicilia del vino tiri fuori: il Palari Doc Faro. 

Ci spostiamo a Castelvetrano in provincia di Trapani per parlarvi del Migliore Produttore di Olio, ovvero Gianfranco Tuoro, titolare di una piccolissima azienda che si chiama Sciavuru D'Aliva. E la sua è una grande storia di passione, di competenza e di forza che a dispetto di ogni ostacolo raggiunge i suoi obiettivi. Per lui abbiamo aggiunto un'altra "O" a quelle di Orgoglio, Onestà e Ottimismo che sono un po' il manifesto del nostro premio. È la O di Ostinazione. Ed i risultati sono una buonissima spremuta di olive apprezzata da tutti gli appassionati del genere. 

Pietro Di Venti, da Calascibetta, è il Piacentinu Ennese. Se si pensa al formaggio di latte ovino con l'aggiunta di zafferano unico al mondo non possiamo non immaginare questo signore che sarà premiato come Miglior Produttore di Formaggio. Un casaro dal volto sereno e dalla lunghissima esperienza che produce quest'antico formaggio grazie al latte delle sue pecore che pascolano in libertà grazie ai ricchi foraggi delle colline ennesi. Il suo Piacentinu è un esempio di alta qualità, piacevolezza, unicità. Da non perdere.

Ad Erice, comune che è il prolungamento di Trapani, c'è la Migliore Azienda Conserviera. È l'Auriga - Nino Castiglione oggi di proprietà, tra gli altri, dei cugini Eugenio Giacomazzi e Filippo Amodeo. Un nome quello della loro impresa che affonda le radici nelle migliori tradizioni della trasformazione dei prodotti ittici che ha caratterizzato e caratterizza la storia industriale della Sicilia. Tonno, tonno e tanto altro. E soprattutto una solidissima impresa che è una risorsa per il territorio. E che sarebbe pronta per ampliare e chiudere la filiera produttiva e creare così nuovo lavoro e nuovo slancio alla mission aziendale. 

Dallo scorso anno nella galleria dei premiati c'è anche il Migliore Birrificio. Il nostro riconoscimento quest'anno va alla Yblon di Ragusa di Marco Gianino e soci. Chi frequenta il mondo delle birre artigianali sa che quello di quest'azienda è un nome di tutto rispetto che si colloca tra i fiori all'occhiello del panorama nazionale. Un traguardo raggiunto grazie ad una grande competenza unita all'amore per malto, orzo e tutto quanto necessario per tirare fuori qualcosa di spumeggiante e molto gradevole. 

E ritorniamo a Palermo, almeno un premiato nel capoluogo siciliano che quest'anno è Capitale italiana della Cultura. Ed è un riconoscimento che va all'Antico Caffè Spinnato dal 1860. Chi vive a Palermo associa il nome Spinnato ad uno dei più importanti panifici della città. La svolta è arrivata quando Mario Spinnato con il figlio Riccardo hanno deciso di chiamare un grande maestro pasticciere come Maurizio Santin. Che dalla sua Lombardia si è trasferito a Palermo ed ha portato una ventata di aria fresca. La tradizione tradita. Ed i dolci sono uno spettacolo a vedersi e buonissimi da mangiare. 

F.C.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY