Banner
Banner
22
Mar

ProWein 2017 chiude. Adesso testa proiettata al futuro: nuovi spazi e un giorno in più

on 22 Marzo 2017. Pubblicato in L'evento

Prowein 2017. Una fiera che si allarga e che annuncia (minaccia?) di annettere altri due padiglioni e allungare di un giorno la sua durata. 

Di certo un palcoscenico sempre più globale dove confrontare le ambizioni dei produttori italiani che per l'occasione ritrovano unità di intenti e capacità progettuali spesso sconosciute in patria. Certo Prowein è sempre la fiera degli importatori e quindi chi lavora di più è sempre e comunque chi si muove per tempo e che ha saputo costruire relazioni commerciali nel corso degli anni. Tante piccole realtà distributive e di import partite da quasi solo un cliente in pochi anni si sono ritrovati con un portafoglio ricchissimo e sfaccettato mentre altre grandi cattedrali annaspano per un mercato frammentato e complicato come è quello tedesco.

Il fattore prezzi come sempre è critico e di difficile risoluzione con una corsa al ribasso verso i 2-3 euro a bottiglia dove la competizione è serratissima. Più in generale si assiste a Prowein più che allo scontro tra i grandi brand che non hanno bisogno della ribalta della fiera per portare avanti il loro prestigio e il loro mercato ad una lotta serrata sul prezzo che infatti vede la maggior parte delle trattative e discussioni sulla fascia "export price" tra i 3 e i 9 euro. Confrontando i listini italiani con quelli che andavano in fiera di certo c'è da non dormire proprio tranquilli e anche a livello di qualità non è che le zone storiche italiane riescano ad uscire con vini particolarmente competitivi in questo range.

Se parliamo invece dei vini top segnaliamo che c'è curiosità e voglia di scoprire e confrontarsi, ma soprattutto si riconoscono a molti produttori che hanno lavorato duramente i prezzi che certi vini meritano. Di fronte a grandi cru nostrani, a grandi Barolo, Brunello, Amarone (un beniamino dei tedeschi) c'è la voglia di regalarsi una grande emozione e il fattore prezzo passa quasi in secondo piano e lo stesso succede quando la qualità è davvero indiscutibile. Girando per la fiera si assiste a tante idee e motivazioni e un modo di vendere il vino che per molti versi avrebbe da insegnarci in termini di capacità di presentarsi uniti e uniformi (Austria, Sud Africa, Cile), per iniziative originali e sbarazzine (Spagna, Inghilterra) per le modalità di usare i grandi brand per trainare e svezzare i giovani (Portogallo) e tante iniziative dove la chiarezza e la praticità vince sulla competizione interna (Provenza).

Si lascia Düsseldorf con tante idee e tanto ottimismo, una bella iniezione di fiducia, ma anche con la convinzione che c'è da lavorare mirando molto più al sodo e alla cura delle relazione che agli effetti speciali in sè, non è più il tempo di stupire quanto quello di convincere sulla lunga distanza. Ma anche con la curiosità di vedere dove andrà questa fiera in crescita continua e alla quale Düsseldorf potrebbe anche restare stretta...ci lamentiamo di Vinitaly ma appena il numero di persone sale in città i disagi ci sono eccome anche qui! E senza il clima, il sole e i paesaggi di Verona a consolare i cuori...

C.d.G.

 
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it