Banner
Banner
03
Lug

Il Barbaresco 2001 di Gaja inserito tra i "vini leggenda" da Decanter

on 03 Luglio 2017. Pubblicato in Scenari

Non sarà più solo un vino. Ma una leggenda. Decanter, la prestigiosa rivista inglese, ha inserito il Barbaresco 2001 di Angelo Gaja tra i vini da conservare per sempre nella memoria.

In questa speciale lista ci sono vini eccezionali, come Chateau Palmer 1961, Domaine Rousseau 1993, Château Montrose 1990, Kanonkop Pinotage 1995, Dom Pérignon 1975, Meerlust, Rubicon 1995, Chateau Montelena 1973. Vini quasi impossibili da trovare. E non esiste prezzo per acquistarli. Un onore, dunque, non solo per il Piemonte, ma per tutta l'Italia trovare in questa lista il vino di Angelo Gaja. Orami il produttore delle Langhe è riconosciuto cvome il re del Barbaresco, l'uomo che fu criticato per l'utilizzo delle barrique, oggi, però, di uso comune per l'affinamento di questo vino, seppur ancora molto discusso. Se l'annata 2000 è stata eccezionale, la 2001 è stata strepitosa. Inverno mite, aprile molto asciutto. Maggio piovoso, ma la fioritura è avvenuta in perfette condizioni climatiche. Estate calda ma asciutta, settembre tra freddo e pioggia: ha vinto chi ha raccolto un po' dopo. La 2001 è potente, di grande struttura ed eleganza, senza eccessivo alcol. 

Angelo Gaja, 77 anni, lavora nell'impresa di famiglia dal 1971. Nel 1978, dopo tante sperimentazioni, iniziò l'affinamento del Barbaresco nelle barrique, utilizzando anche il controllo delle temperature. Per dimostrare il potenziale della sua regione, il Piemonte e per soddisfare un mercato in forte espansione, ma che chiedeva solo Barolo, puntò tutto sul Barbaresco. Vero la fine degli anni '90 la svolta: abbandonò l'idea di produrre Barbaresco solo con Nebbiolo e aggiunse una piccola percentuale di Barbera, conferendo così più acidità ai suoi vini. La scelta che lo consacrò nel mondo enologico. Parlare di un singolo Barbaresco, quando si parla di Gaja, è impossibile, visto che le uve provengono da 22 ettari distribuiti su 14 vigneti. Ognuno con una sua caratteristica di esposizione al sole e altitudine. "Un vino di grande armonia - dice il critico Robert Parker - Presenta un naso di lamponi, spezie e minerali, seguito da ciliegie, catrame e mentolo. Grande lunghezza. Il Barbaresco 2001 parla veramente all'anima".

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY