Banner
Banner
21
Ott

Il Salice Salentino come non lo avete mai visto: a TG2017 la 50^ vendemmia di De Castris

on 21 Ottobre 2017. Pubblicato in Taormina Gourmet 2017


(Piernicola Leone De Castris e Riccardo Cotarella - ph Vincenzo Ganci)

di Michele Pizzillo, Taormina

Se non si conosce il Negroamaro e si decide di seguire una masterclass dedicata a questo vitigno addirittura con una verticale dei vini prodotti dell’inventore del Salice, due sono gli aspetti che colpiscono di più: la diversità del patrimonio viticolo italiano e la presenza di quell’acidità che permette al vino di conservarsi più a lungo, senza perdere le proprie caratteristiche. 

E, così, a Taormina Gourmet hanno invitato Piernicola Leone de Castris a portare cinque suoi Salice Salentino doc riserva per festeggiare la 50^ vendemmia di questo grande vino pugliese oltretutto inventato dal nonno, Piero Leone, che nel 1925 produsse il primo Salice che con l’introduzione delle doc sarà chiamato Salice Salentino.

Sicuramente l’azienda de Castris è ubicata in una terra benedetta per la coltivazione del Negroamaro – un angolo di terra compresa tra le provincie di Lecce e Brindisi -, ma è anche vero che questa storica famiglia di origine spagnola e con una componente sempre legata alla terra dal lontano 1665, invece di vendere il vino sfuso, come facevano tutti, preferì la via dell’imbottigliamento e dell’etichettamento del suo nettare con il nome del produttore ben esposto in etichetta. Scelta coraggiosa, ma facile per il nonno di Piernicola che aveva le idee chiare e, probabilmente, era avanti di decenni rispetto al mondo vitivinicolo che lo circondava. Tant’è vero che sarà il primo ad imbottigliare il vino rosato, ottenuto da uve Negroamaro, e l’incontro con il generale Charles Poletti, nel 1943, che per le truppe americane che liberavano i territori italiani dai nazifascisti, aveva il compito degli approvvigionamenti, portò alla nascita del famoso Five Roses.

Con questo pedigrée è facile intuire che la masterclass con il Salice Salentino riserva di Leone de Castris condotta dal Federico Latteri e con la partecipazione del produttore e di Riccardo Cotarella, sarebbe stata l’occasione per ripassare un po’ la storia del vino pugliese, e non solo. Piernicola Leone de Castris ha portato cinque vini  (1999, 2005, 2009, 2011 e 2014) per valutate insieme l’evoluzione del Salice e il miglioramento dell’enologia pugliese. E, poi, come giustamente ha evidenziato Cotarella, il vitigno Negroamaro ha dimostrato decisamente la sua non replicabilità in nessuna altra parte del mondo e, addirittura in alcune contrade della Puglia stessa. E’ un vitigno unico che solo nel Salento può dare vini straordinari, vini con quel tasso di acidità che ne permettono la conservazione, vini che hanno dato un forte impulso al miglioramento dell’enologia pugliese.

Vediamoli i cinque Salice Salentino riserva doc presentati a Taormina Gourmet per ricordare i 50 anni delle vendemmia di questo ottimo vino

1999 – Sicuramente ha perso molto delle peculiarità assicurate dalle uve Negroamaro nel primo decennio di vita. Però, non si può non rimarcare che il tannino continua a lavorare, ad assicurare una buona gradevolezza ad un vino che non da segni di cedimento, ancora equilibrato e caratterizzato da note balsamiche piacevolissime.

2005 – In Puglia è stata un’annata normale. Quindi non ci si aspettava un grande vino. Però il Negroamaro ha fatto un’eccezione perché a 12 anni dalla vendemmia offre un Salice Salentino di buona freschezza che già si avverte al naso. In bocca l’equilibrio è l’arma vincente di questo vino che offre ancora tannini ben evidenti e comunque, molto gradevoli.

2009 – La costanza dei cinque vini degustati è il colore che Latteri sintetizza in “rubino scuro molto cupo”, e i sentori prevalentemente di frutti rossi con belle note balsamiche che si avvertono in tutti i Salice degustati.  In questo millesimo, poi, la componente tannica è di grande qualità.

2011 – Beh, qui i toni sono quelli di un prodotto maturo e di grande equilibrio. Note che si avvertono già al naso e poi esplodono in bocca, con una carica aromatica molto persistente e piacevolissima. Se fosse un vino francese, sarebbe subito diventato il portatabandiera del terroir dove vengono selezionate le uve. E’ un vino molto pulito, con una lunga persistenza che lascia bei ricordi al consumatore, in particolare di note balsamiche.

2014 – Il colore è rubino scuro; la ricchezza aromatica è eccellente, i tannini sono morbidi: tutte componenti che fanno di questo Salice un ottimo prodotto caratterizzato da un concentrato di frutta rossa ben matura accompagnato da qualche pizzico di pepe. Insomma, un vino ancora giovane, molto pulito,  ed esempio di come trattare le uve Negroamaro per produrre grandi vini.

Infine, la novità. De Castris sbarcherà nel barese, con una vigna che sarà impiantata sulla Murgia Barese, prevalentemente di Primitivo e di Nero di Troia. E’ una proprietà della madre di Piernicola, che riconvertita, diventerà sicuramente il fulcro del Primitivo di Gioia cioè, dell’area dove e nato il vino Primitivo, per iniziativa di alcuni frati Benedettini. 

ALCUNE FOTO DELLA MASTERCLASS (ph Vincenzo Ganci)













Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY