Banner
Banner
31
Ott

Doc delle Venezie, record di ordini: dagli Stati Uniti chieste 30 milioni di bottiglie

on 31 Ottobre 2017. Pubblicato in Scenari

La “prima vendemmia” della nuova Doc si è appena conclusa, il vino è ancora in vasca ma dagli Stati Uniti arrivano i primi, consistenti, ordini per l’annata 2017 del Pinot grigio Doc delle Venezie. 

Arriveranno a ben 30 milioni le bottiglie (pari a 230 mila ettolitri per un valore, franco cantina, di circa 75 milioni di euro) che i principali operatori commerciali statunitensi stanno prenotando in queste settimane nelle cantine del Triveneto. Segno che la nuova Denominazione ha convinto il mercato americano pronto ad investire e credere in quella che si prospetta come la vera novità della proposta vitivinicola italiana del 2018 negli Stati Uniti. “Un inizio incoraggiante considerato che stiamo avviando in queste settimane le prime iniziative di  promozione e comunicazione sulla nuova Doc - ha commentato il presidente del consorzio, Albino Armani - segnale importante che ci conferma come il mercato degli Stati Uniti, che rappresenta il primo mercato di sbocco per il Pinot grigio italiano (assorbe il 37% dell’export) ha accolto favorevolmente la nostra proposta di qualificazione e certificazione di un vino che negli Stati Uniti è simbolo della enologia tricolore. Anche i prezzi di vendita, lontano da ogni logica speculativa, premiano il valore aggiunto della certificazione, della tracciabilità e della qualità del nuovo prodotto a denominazione. La vendemmia quest’anno ha visto una contrazione produttiva attorno al 20%, mantenendosi il totale prodotto nella media considerati i nuovi ettari entrati a far parte della Doc. Tutto ciò, considerate anche le giacenze, ha portato ad una situazione di mercato dove non registriamo tensioni sui prezzi, una premessa importante per affrontare con la dovuta serenità la nostra prima campagna di commercializzazione all’estero”.

Se il nostro paese è il principale paese produttore mondiale di Pinot grigio con una quota pari al 43% (gli Stati Uniti sono al secondo posto con il 14%),  il Triveneto, l’areale della nuova Doc delle Venezie,  producendo l’85% del Pinot Grigio italiano è la principale regione produttiva al mondo di questo vino-vitigno. Il fenomeno “Pinot grigio del Triveneto” ha visto triplicare gli ettari di vigneto dai 9.000 del 2010 ai 27.000 nel 2017 (a livello nazionale si è passati nello stesso periodo da 10.000 a 32.000) con un trend ancora in crescita. E’ il più importante vino fermo italiano in termini di export. Il 96% della produzione di Pinot grigio del Triveneto è destinato all’esportazione con principali destinazioni: Stati Uniti 37%, Regno Unito 27%, Germania 10%, Canada 7%. Guardando agli Stati Uniti, protagonisti di questo primo exploit dell’export della nuova DOC, vediamo che il consumatore americano è appassionato di Pinot Grigio: il 40% lo ritiene il proprio vino favorito, tant’è che, con l’8% del mercato, è, in valore, il terzo vino varietale venduto negli Stati Uniti.

E il Pinot grigio italiano, con un export di 250/300 milioni di dollari circa franco cantina, è il più importante e diffuso dopo quello californiano, avendo, però, un “percepito qualitativo” nettamente superiore se si considera che la spesa media di acquisto per Pinot Grigio italiano e di 19,59 dollari mentre per quello californiano il consumatore statunitense spende mediamente 11,61 dollari. In termini di valore, il Pinot grigio italiano rappresenta circa il 35% circa del totale mercato di questo varietale negli Stati Uniti. Gallo, Constellations Brand e Wine Group, coprono insieme il 55% del mercato (30% Gallo, 16% Constellations Brand, 9% Wine Group). “E la bella accoglienza ricevuta dalla nuova Doc delle Venezie  – ha concluso Armani - dimostra che il mercato statunitense è sempre più attento e sensibile all’origine del vino ed alla certificazione del prodotto. Valori che noi possiamo garantire con una Doc nata proprio con l’obiettivo di mettere in sicurezza e valorizzare la qualità dei Pinot Grigio italiano. Il riscontro positivo dell’intera operazione “delle Venezie” non era affatto scontato. Questi primi segnali, però, ci confermano che siamo sulla strada giusta”.

C.d.G.

 

 

 

 

Consorzio Doc delle Venezie

Ufficio Stampa e comunicazione

Giulio Somma

+39.335.392722                                                 

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

 

 

 
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY