Banner
Banner
28
Dic

on 28 Dicembre 2010. Pubblicato in Numero 198 del 30/12/2010

CIBI DI STRADA

La croccante pastella che ricopre un ripieno di ricotta o acciughe, è una tappa obbligata per chi si trova nel capoluogo etneo. Se ne consumano in grandi quantità soprattutto durante le feste natalizie. Con due indirizzi da non perdere

Crispelle catanesi

Aeroporto Fontanarossa, Sicilia dopo quattro mesi di assenza. Il pensiero si dirige incondizionatamente all’universo cibo siciliano, non imitabile o riproponibile nel resto del mondo, e Catania, si sa, è patria delle crispelle di acciuga e ricotta, cibo popolare, consumato in maggiori quantità proprio sotto le feste natalizie.
La bellezza dell'Isola è che non esistono campanilismi (o quasi) in materia di cibo tra le diverse province, perché ciascuna è tenutaria di una propria tradizionale specialità, e tra queste figurano anche le crispelle di Catania. Ogni angolo o quartiere ha il proprio “crispellaro”, figura immancabile in un rione gastronomicamente rispettabile.


Una fase della lavorazione delle crispelle

La produzione sembra una catena di montaggio ben congegnata, tanto veloci ed esperti sono i movimenti per l’assemblaggio e la cottura. La pastella che fa da copertura deve riposare a lungo in un catino di alluminio, in bellavista come il resto degli ingredienti e della preparazione. La consistenza è talmente molle che il passaggio in frittura, una volta ricoperta la generosa dose di ricotta o di acciuga del ripieno, deve essere fulmineo e i “crispellari” hanno davvero una maestria da giocolieri seguita con ammirazione dagli ammaliati compratori in fila. Intanto il maestro del fritto affonda nell’olio bollente le "sfingi" (il nome siciliano delle crispelle), palle di acqua e farina galleggianti lasciate cadere dentro un enorme pentolone di ghisa. In cottura la pasta si increspa e diventa dorata, ma per ottenere crispelle perfette occorre una doppia frittura.


Ambulanti che vendono crispelle

I profumi che si sprigionano tutt’intorno sono in grado di stuzzicare la voglia di addentare una fumante crispella e scoprirne il ripieno, morbida ricotta o sapida acciuga, sapori in grado di appagare il mio richiamo sensoriale da emigrante e di inaugurare i miei festeggiamenti natalizi in Sicilia. Due indirizzi su tutti: la Friggitoria Stella in via Ventimiglia, 66 e gli Antichi Sapori di Sicilia in via delle Province 148. Cinque euro bastano e avanzano.

Daniela Corso

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it