Banner
Banner
27
Nov

In difesa dei broccoli!

on 27 November 2017. Pubblicato in L'intervento

"Vostro onore, vorrei fare alcune considerazioni preliminari per contestualizzare il caso dinanzi alla presente corte".

Inizia così un divertente pezzo scritto da George Ball, ex presidente della società degli orticoltori americani e pubblicato qualche giorno fa dal Wall Street Journal con il titolo "In defense of Broccoli" e tradotto dal Il Foglio. Nell'articolo, Ball simula di esere un avvocato difensore del broccolo, "la più vituperata verdura di tutti i tempi". E spiega perché il broccolo è la verdura che può salvare l'umanità. "Si può mangiare il baccello del pisello, la pannochia del mais, lo stelo dei fagioli o la foglia spinosa del melone? Soltanto il broccolo vi permette di mangiare l'intera pianta: il suo stelo asparagino, le sue foglie verdi e gustose e i suoi fiori delicati, dolci e saporiti. Non ignorate la promozione e la protezione della salute umana offerta dal broccolo. Nessuna pianta possiede più antiossidanti, più combinazioni di stimolanti per enzimi, né più fibre che allietano il metabolismo, del mio cliente. In quanto a vitamine, ne ha a bizzeffe: un piatto di broccoli cotti ha più vitamina C di un'arancia e provvede al dieci per cento del fabbisogno giornaliero di minerali. Si consideri inoltre che contiene acido folico, l'acido pectito e il calcio, gli antiossidanti che prevengono il cancro come il beta carotene, il carotene e il sulforafano. Il broccolo uccide le malattie sul nascere. Non mangiare il broccolo dovrebbe essere un crimine. E perché allora è sotto processo? Per essere troppo salutare? Troppo gustoso? Troppo facile da crescere in tutti e 50 stati? No, il mio cliente è accusato di essere "troppo amaro". Io offro due argomenti di difesa. Primo: per avere questa apoteosi di gusti impliciti e potenti proprietà salutari dev'essere coltivato fino alla piena maturità. Secondo: dev'essere trasportato velocemente dalle fattorie o dai giardini di casa alla cucina, poi deve essere bollito, stufato, grigliato o fritto. Posso pertanto dichiarare oltre ogni ragionevole dubbio che il mio cliente possiede il più sublime dei gusti vegetali a disposizione del palato umano. Il broccolo è stato capricciosamente diffamato e disprezzato da influenti personalità in tutti i settori sociali, dai presentatori televisivi ai giudici della Corte Suprema. Quasi 30 anni fa, il presidente George W. Bush, dichiarò di non apprezzare il mio cliente. A questo punto, chiedo alla Corte di archiviare questo caso e invito voi tutti, la corte, l'accusa e il popolo a venire a pranzo nel mio giardino. Giustizia sarà fatta e servita: stufata e condita con burro fuso e succo di limone fresco". 

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY