Banner
Banner
26
Apr

Olio della settimana: Le Terre di Vito di Vernera

on 26 Aprile 2014. Pubblicato in L'olio della settimana

Tonda Iblea biologico.

Seguendo il principio universale della storia che si ripete i giovani d’oggi che vogliono lavorare, anche con sacrifici, si recano all’estero. Così succedeva circa 90 anni fa quando Gaetano Spanò, come altri suoi concittadini lasciava Buccheri in provincia di Siracusa e andava a cercar fortuna in America. Quando torna nel suo paese compra un piccolo appezzamento di uliveto in contrada Vernera ed inizia così l’attività di produttore di olio, inizialmente per il solo uso familiare. Dà anche la possibilità al figlio Vito di studiare e di diventare medico della mutua nel suo paese. Buccheri, come quasi tutti i paesi agricoli dell’interno della Sicilia si va spopolando, restano i vecchi e molti di loro, non facendosene più niente, vendono i piccoli appezzamenti di terra che Vito va comprando nel tempo.
 
Oggi Vito non c’è più, ma ha lasciato ai figli Tania, Maria Grazia e Gaetano una proprietà di 75 ettari, quasi tutti di uliveti della cultivar regina del territorio, la Tonda Iblea, con la maggior parte in esemplari secolari, molti millenari ed alcuni giovani piantati nelle zone nude. Tania per dedicarsi alla famiglia e all’attività di commercializzazione dei circa 50.000 litri di olio prodotti abbandona il suo lavoro di ortottista ospedaliera, Gaetano continua a fare anche il medico e Maria Grazia segue la campagna e la contabilità.

Non avendo l’esperienza e il personale adatto decidono che è meglio non avere un frantoio, ma di ricorrere agli ottimi molitori che già esistono nel territorio e con la consulenza di un agronomo dalla Tonda Iblea fanno 4 tipologie di  extravergine distinte per epoca di raccolta e per scelta delle olive. Fino al 2013 una parte è in biologico che diventerà un tutto dal presente anno. L’olio più pregiato, con le prime olive raccolte, è Le Case di Lavinia, dal nome della madre, etichetta Viola DOP Monti Iblei, seguito dall’etichetta Argento e dalla Rossa che ha il miglior rapporto qualità/prezzo ed è particolarmente adatto per cucinare. A parte, il Terre di Vito che oggi rappresenta la sola etichetta certificata biologica,  di cui se ne fanno 1.000  litri.
 
Tutti gli uliveti sono in regime non irriguo ed essendo in conversione seguono da anni i rigidi disciplinari del biologico. Il grosso della produzione in contrada Sant’Andrea dove insistono le vecchie case baronali di campagna che in futuro saranno ristrutturate per essere utilizzate al meglio. Una decina di anni fa si decide di partecipare ai più autorevoli concorsi, vincendoli ed acquisendo la consapevolezza della bontà del proprio olio che oggi è inserito nelle più importanti guide italiane ed estere ed adottato in molti ristoranti di pregio. La produzione confezionata è di 10.000 litri che vanno quasi tutti all’estero, le rimanenti olive sono vendute ancora all’albero.

Visto che nelle guide è sempre recensito il DOP, decidiamo di degustare il biologico Le Terre di Vito, con olive raccolte nella seconda metà di ottobre, portate in giornata a Chiaramonte Gulfi dove sono molite nel frantoio Cutrera con decanter senza aggiunta di acqua. Stoccaggio ed imbottigliamento sotto azoto per mantenere l’integrità nel tempo.

Al naso si rivela subito discretamente intenso ma più che altro fresco, piacevole, fruttato, equilibrato con sentori di pomodoro verde, di carciofo, di erba fresca, di mela e un poco di menta. Al gusto è rotondo, di buona consistenza e molto fruttato, un olio armonico, con poco amaro e un piccante leggero che arriva lentamente.  Olio di ampio utilizzo specie a crudo, che valorizza un tavolo della ristorazione, che può accompagnare piatti delicati come i crudi di pesce e condire insalate e minestre di legumi. Allo scaffale a 12 euro oppure in vendita diretta dal produttore.

S. A. Vernera di Spanò e C.
corso Umberto 21
96010 Buccheri (Sr)
cell. 338 3622868 - 338 1450213
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
www.lecasedilavinia.it



 

Recensioni
di Gianni Paternò

Rubrica a cura di   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it