Banner
Banner
13
Giu

LA RICERCA: "Mangia poco, vivrai di più"

on 13 Giugno 2007. Pubblicato in Numero 13 del 14/06/2007

    LA RICERCA

Lo rivela uno studio dell'Istituto europeo di oncologia. "Se il cibo scarseggia il Dna prolunga la vita per dare più tempo all'organismo di riprodursi"  
 
"Mangia poco e vivi di più"

sordi.jpg

 
Gli ultracentenari intervistati alla solita banale domanda «ma qual e' il suo segreto per avere raggiunto questa età?», rispondono con sfumature diverse: «magiando poco». Sembrava una ricetta improvvisata, adesso ha una valenza scientifica. Infatti era risaputo che nutrirsi troppo facesse male. Ma che cibarsi con parsimonia spingesse il Dna ad allungare la durata della vita, allo scopo di preservare l'evoluzione della specie, non era poi così noto. E a rivelarlo è stato Pier Giuseppe Pelicci, direttore del dipartimento di oncologia sperimentale all'Istituto europeo di oncologia (Ieo), durante un convegno all'interno della rassegna dedicata ai professionisti della salute al polo fieristico di Rho. «Credo che non esista nel Dna un gene della morte - ha detto Pelicci - il Dna è fatto per la vita. Infatti è programmato in modo che, quando il cibo scarseggia, la morte venga rimandata il più possibile per dare più tempo all'organismo di riprodursi, che per l'evoluzione è l'unica cosa che conta». In pratica la Natura, per assicurare la continuità della specie quando scarseggia il cibo, rimanda il momento dell'accoppiamento finchè il cibo non è più un problema, perché solo così il neonato avrà più probabilità di sopravvivere. Inoltre nel Dna, ha aggiunto Pelicci, «ci sono meccanismi che ottimizzano l'uso delle risorse energetiche: quando il cibo è nella giusta quantità, la durata della vita è regolare. Ma il nostro genoma non è programmato per gestire una sovrabbondanza di cibo: per questo l'obesità non solo ci fa ammalare di più, ma accorcia sensibilmente la durata della nostra vita, accelerando l'invecchiamento». Insomma, nel Dna non c'è scritta nessuna data di scadenza: ciò che importa ai geni è tramandarsi di generazione in generazione. E questo con buona pace delle grandi abbuffate. E anche con sollievo per le tasche dei consumatori. Mangiare insomma poco ma bene.


Elena Mancuso
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY