Banner
Banner
13
Giu

IL SUGGERIMENTO: Il vino d'estate Conservatelo così

on 13 Giugno 2007. Pubblicato in Numero 13 del 14/06/2007

    IL SUGGERIMENTO

Cercate il ripostiglio della vostra abitazione per difendere le bottiglie da luce e caldo. I picone_bottiglie.jpgconsigli di un enotecaio. E per gli appassionati meglio le cantinette termocondizionate
Il vino d'estate
Conservatelo così

L’ambiente ideale per la conservazione del vino è quello lontano da fonti di calore e da luce. Bisognerebbe in pratica ricreare in un piccolo spazio della nostra casa condizioni che si avvicinino in qualche modo a quelle delle cantine, luogo principe per la bevanda di Bacco dove l’umidità è compresa tra il 70 e l’80 per cento
nicola_picone.jpgDue regole basilari da adottare in qualsiasi stagione dell’anno, ma ancora di più quando arriva l’estate con le sue alte temperature.
Un ripostiglio dunque, di cui la maggior parte delle nostre case ne sono provvisti, «potrebbe essere una soluzione adeguata. - suggerisce Nicola Picone, titolare di due enoteche a Palermo - Sono luoghi di solito bui e di certo non caldi come può esserlo una cucina». Ma a questi due fattori si aggiunge quello del tempo, non meno importante: «Il vino è un piacere e bisogna gustarlo quando è nel momento clou della sua “crescita”», sostiene Picone. In pratica da quando viene messo in commercio un vino può vivere al massimo cinque anni. «E’ quindi assurdo conservare bottiglie di un certo valore aspettando un’occasione importante. - commenta Picone - E’ preferibile goderselo subito». Occorre infatti tenere presente che, con temperature estive che superano i venti gradi, i processi evolutivi del vino subiscono una forte accelerazione. Un Barolo o un Bordeaux dunque, che potrebbero campare trent’anni  in condizioni ottimali, conservati in una media cantina casalinga dovranno essere consumati entro cinque anni. In alternativa, per chi ha una vera passione, «esistono delle apposite cantinette termocondizionate», aggiunge Picone. Somigliano a degli armadi, si collegano ad una presa di corrente e si possono piazzare dove si vuole. E sulle tendenze estive in campo di scelta di vini pare che quest’anno trionferanno i rosati. «Vini rivalutati recentemente  agli occhi del consumatore che fino a poco tempo fa considerava simboli della mistificazione tra rossi e bianchi. - spiega Picone - Si tratta di vini invece ottenuti da una diversa tecnica di pressatura che per la loro qualità di leggerezza si prestano bene ad essere gustati freschi d’estate ed abbinati a qualsiasi piatto e momento della giornata».


Sandra Pizzurro
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY