Banner
Banner
04
Lug

IL DIBATTITO: Vino, la Sicilia batta un colpo

on 04 Luglio 2007. Pubblicato in Numero 16 del 05/07/2007

    IL DIBATTITO

Dopo l’iniziale entusiasmo l’Isola ha subìto un piccolo stordimento e alcuni giovani imprenditori hanno gettato la spugna. Per mosca.jpgscacciare i fantasmi, un antidoto è la difesa della qualità

Vino, la Sicilia
batta un colpo

Abbiamo chiesto a un gruppo di grandi esperti di enogastronomia un parere spassionato e senza fronzoli sulla Sicilia, i suoi sapori, la sua accoglienza, la sua tradizione enogastronomica. Dopo l’intervento di Piero Sardo, presidente della Fondazione Slow food per la biodiversità, adesso tocca ad Alessandro Torcoli, redattore capo di Civiltà del bere. Ecco l'articolo.

di Alessandro Torcoli *


La Sicilia del vino non deve abbassare la guardia. Negli anni Novanta e nei primi del Duemila abbiamo assistito a un’esplosione della sua immagine più sfavillante delle pur spettacolari micro-eruzioni dell’Etna. Oltre la moda, il bere siciliano era divenuto sinonimo di buon gusto, di modernità, di competenza. Il Nero d’Avola era un nuovo principe del Sud e alla sua corte si presentavano i divi e i comuni mortali.
Purtroppo accanto alle etichette “cult” che stavano accreditandosi sui mercati del mondo, grazie all’indomita azione dei pionieri della qualità, qualcuno continuava a inondare il mercato con vini di basso rango. E i prezzi, che come sappiamo sono una bussola, erano inspiegabilmente variabili dai 50 euro ai 50 centesimi. Così dopo il botto, l’Isola ha subìto un piccolo stordimento: molti piccoli e seri imprenditori, spesso giovani, che ci avevano creduto e che con orgoglio avevano impegnato tutto per imbottigliare e vendere vini siciliani di pregio sono stati travolti dall’odioso riflusso della moda. Qualcuno ha gettato la spugna, qualcuno resiste stringendo i denti.
La Sicilia del vino, proprio adesso, non deve abbassare la guardia. Gli imprenditori leader e i responsabili delle istituzioni pubbliche che hanno il dovere morale di difendere e valorizzare l’immagine del vino siciliano tengano saldo il timone puntando a Portofino o a Cannes, non a Marsiglia. Le navi cisterna, di diversa e varia provenienza, purtroppo esistono ancora e come relitti fantasma di un romanzo sudamericano si aggirano per il Mediterraneo. E soprattutto sono pronte a materializzarsi in un momento di grave crisi. Per scacciare i fantasmi, un antidoto è la difesa della qualità anche se al costo, nell’immediato, di qualche piccolo compromesso con il portafoglio.
Purtroppo il Nero d’Avola, simbolo del successo siciliano, è un’arma a doppio taglio: affermato e famoso è pur sempre un vitigno, che qualsiasi paese del mondo può rapinarci. Lo stesso è per il Grillo, l’Inzolia, eccetera. Solo la denominazione geografica si può difendere con efficacia. È forse per questo che alcuni produttori, dopo aver reso famoso il nome del Nero d’Avola da qualche anno focalizzano i loro sforzi comunicazionali sulle Doc, piccole in taluni casi, come il Faro o l’Etna, difficili da pronunciare in altri, come il Riesi. Però l’idea di fondo è corretta e moderna: oggi “comanda” il territorio e anche noi di Civiltà del bere, con la collaborazione del benemerito Istituto regionale della Vite e del Vino di Palermo, vogliamo portare il nostro contributo cedendo il proscenio a 10 Cantine siciliane che saranno tra i protagonisti dell’imminente sesta edizione del nostro VinoVip Cortina, il summit del vino italiano. Esse, per una volta, non saranno solamente portavoce di loro stesse, bensì delle terre d’origine, da Marsala a Palermo, da Agrigento a Catania.


* Redattore capo Civiltà del bere

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY