Banner
Banner
11
Lug

VERDE A TAVOLA: Profumo di basilico

on 11 Luglio 2007. Pubblicato in Numero 17 del 12/07/2007

    VERDE A TAVOLA


basilico.jpgIndispensabile in cucina: regala sapore alla salsa di odoro, indispensabile nel pesto. Nel Mediterraneo arrivò dall’India grazie a Alessandro Magno, mentre Plinio il Vecchio lo raccomandava contro l’epilessia

Profumo di basilico

Riuscireste a fare mai a meno del basilico? Il suo profumo inebriante regala un sapore inconfondibile alla salsa di pomodoro ed è il l’ingrediente principe del pesto. Ma prima di finire nelle nostre mense a impreziosire piatti ormai caposaldo della tradizione gastronomica italiana, il basilico (Ocimum basilicum) fece un lungo viaggio. A portarlo nel cuore del Mediterraneo dall’India fu Alessandro Magno e rapidamente si diffuse nel periodo romano.
Con altre erbe aromatiche come il timo, la menta e la santoreggia l’erba del ciabattino o erba reale condivide l’appartenenza alla stessa famiglia botanica, quella delle Labiate. Nel Medioevo si diffuse anche nel sud della Francia e in Liguria dove fu impiegato per preparare una delle salse più celebrate. Ma i veri gourmet sconsigliano l’acquisto del pesto in vasetti: spesso il basilico presenta residui organici e additivi chimici che non fanno onore alla bontà del pesto. E allora il basilico è meglio coltivarlo in casa, in piccoli vasetti. Aglio, pinoli, parmigiano (c’è chi dice è meglio senza) sale, pepe, olio d’oliva e naturalmente tanto basilico. I puristi consigliano il basilico a foglie piccole, più delicato e
sfumato come aroma. Variante al pesto genovese è quello trapanese, preparato con pomodoro crudo e spellato, senza formaggio, ma con gli ingredienti tagliati a pezzetti e non pestati. Il mataroccu, preparato a Favignana, agli ingredienti già citati prevede l’impiego di pinoli, qualche foglia di sedano e prezzemolo.
In medicina il basilico ha infinite applicazioni, anche se oggi sono pressoché dimenticate. Gli arabi lo impiegavano per combattere le afte, gli ebrei come antispasmodico, mentre Plinio il Vecchio lo raccomandava contro l’epilessia. I nostri antichi speziali raccomandavano decotti alla mamme in allattamento per stimolare la secrezione mammaria.



Mario Pintagro
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY