Banner
Banner
18
Lug

L'INTERVISTA: Sos da Pantelleria

on 18 Luglio 2007. Pubblicato in Numero 18 del 19/07/2007

    L'INTERVISTA


Il neopresidente del Consorzio per la valorizzazione delle Doc pantesche, Pippo Lo Re: «Così risaliremo la china della crisi». In venticinque anni la produzione si è ridotta a un sesto

Sos da Pantelleria

«Venticinque anni fa Pantelleria produceva 240 mila chili di uva, oggi siamo a quota 40 mila: se questo trend non viene interrotto immediatamente c’è il rischio che nel giro di dieci-quindici anni i vigneti spariscano dall’isola».
pippo_lo_re.jpgPippo Lo Re è presidente del Consorzio volontario per la tutela e la valorizzazione dei vini Doc panteschi solo da pochi giorni, ma ha già le idee chiare sulle priorità della sua azione: «Da alcuni anni - afferma - c’è una tendenza a ridurre la produzione. Negli anni Ottanta le nostre uve si usavano anche per tagliare gli spumanti piemontesi, adesso è difficile». C’è un problema ambientale, ma non solo: «Pantelleria - spiega Lo Re - è tutta terrazzata, c’è un’attività manuale enorme. Ogni persona anziana che lascia il vigneto perché non ce la fa più difficilmente trova un giovane che fa lo stesso tipo di lavoro. Ma a Pantelleria si sta sviluppando anche un certo tipo di turismo che coopta la manodopera: meglio gestire un bar che lavorare nelle vigne, nelle terre intrise di sudore».
Quella che si annuncia potrebbe essere una rivoluzione. Negativa, dice Lo Re: «Nelle vecchie foto di Pantelleria - chiarisce - c’erano distese sterminate di vigneti. Non è solo questione di cuore, ma anche di business: nell’immaginario Pantelleria è legata al moscato come il Sahara è legato alle oasi, se le cantine diventano resort per seguire l’onda del turismo e il moscato non c’è più che si fa?».
Già, che si fa. Un’idea Lo Re ce l’avrebbe. «Bisogna realizzare progetti per spostare il contributo del consorzio dalla commercializzazione alla produzione. Tradotto significa coagulare i coltivatori affittando o conducendo direttamente i vigneti e aiutare i produttori dal punto di vista economico». Per farlo, il consorzio può contare al momento sulle quote versate dai soci - sono cinque, Pellegrino, Miceli, Murana, Case di pietra ed Enopolio, ma con l’80 per cento della produzione - ma lancia anche un appello: «Bisogna lavorare con le istituzioni, dal Comune alla Regione fino all’Unione europea, perché ognuno faccia la propria parte». Attenzione: qui non si cercano finanziamenti. «Non siamo a caccia di contributi - specifica Lo Re - Chiediamo solo di ragionare con noi sul rilancio. Aiutando i produttori, ma anche coinvolgendo le università, magari ospitando sull’isola agronomi per studiare la nostra produzione. E poi, è chiaro, prendere anche terrazzamenti da condurre direttamente come consorzio. Ma lo so, non è facile, al Sud siamo tutti un po’ più individualisti. Il punto, però, è che noi abbiamo una Ferrari con poca benzina». Una Ferrari che magari potrebbe correre per puntare alla Docg: «No, assolutamente no - taglia corto Lo Re - Fra Pantelleria e moscato c’è una simbiosi tale che la Doc è la denominazione di qualità migliore».



Claudio Reale
Share

Commenti  

 
0 #1 edoardo 2012-07-15 19:56 …la criticita' che l'articolo espone e' evidente…l'insegnamento che il Presidente Pippo Lo Re e' chiaro ed esaustivo…ma desidero aggiungere che il rilancio della conduzione dove potrebbe vedere l'anziano abbandonante ad anziano mentore per avviare giovani con animosita' e vigore e forte dignita' ad una professione dell'Uomo…con questo e la Elevata capacita' del Presidente si potrebbe raggiungere l'obiettivo che si potra' prefissare…Rimango a disposizione per collaborare con la Vostra Terra…Edoardo Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY