Banner
Banner
06
Mag

on 06 maggio 2010. Pubblicato in Le grandi verticali

LE GRANDI VERTICALI

Degustate cinque annate del bianco di punta di Castellucci Miano.
Ecco com’è andata

Shiarà, vince il 2009

I sogni si possono fare anche a occhi aperti, sono i più belli. Poco prima accadono cose fuori dall’ordinario: intuizioni, visioni, pensieri che si intrecciano secondo nuovi schemi. Sono momenti nei quali tutto si ferma, tutto si scompone e si ricompone in un modo diverso. Spesso con le solite cose. Poi è lucido slancio verso il tangibile.
Amiamo immaginare Tonino Guzzo, da anni ai vertici del professionismo enologico siciliano, attraversare uno di questi momenti, alla ricerca del gusto perfetto dell’uva, momenti volitivi che lo hanno persuaso a ritenere il catarratto uno tra i più importanti vitigni di Sicilia e che lo condurranno a “Shiarà”, il bianco di punta dell’azienda Castellucci Miano. È il 2005. Dopo aver fatto visita ad oltre 80 vigneti ed assaggiato i grappoli zona per zona, prenderà in considerazione solo 12 appezzamenti. Trattasi di vigneti con piante di oltre 70 anni e coltivate ad alberello, compresi tra 800 e 1.000 metri di altitudine. Il territorio è quello delle colline attorno a Valledolmo (Pa), alle pendici delle Madonie, terreni sabbiosi con presenza di argilla e ricchi di elementi calcarei. Il clima più rigido, sopratutto in ragione dell’altitudine, i suoli e le caratteristiche varietali posticipano regolarmente la vendemmia sino ad ottobre inoltrato, ben oltre i gli standard isolani. La fermentazione e l’affinamento - lunghi 6 mesi - avvengono in acciaio; a questi se ne aggiungono altri 4 in bottiglia.

Il sogno da acciuffare è un bianco aromatico-minerale di grande energia, poco timido nei confronti del tempo. Shiarà si muove pienamente in questa direzione, frutto dell’intuizione e del lungo lavoro di Tonino Guzzo. Per darcene prova, Guzzo insieme a Piero Buffa (area commerciale) ci propongono una avvincente verticale dal 2005 al 2009.

Shiarà 2009 – punteggio 90/100
Alla vista è giallo paglierino scarico con intensi riflessi verdognoli. Naso fragrante, sorprendente, inarrestabile. Frutti tropicali, frutta a polpa bianca e fiori di campo sviluppano una percussione olfattiva emozionante: banana, pompelmo, lime, citronella e pesca sono avvolte da fresche note mentolate. In bocca è vivo, compatto, agile. Il tessuto evidenzia una trama fitta ed equilibrata con un’elegante vena acida. La persistenza aromatica è lunga, la rispondenza naso-bocca centrata pienamente. Delle cinque annate in degustazione, il 2009 mostrerà una marcia in più rispetto agli altri.

Shiarà 2008 – punteggio 87/100
Alla vista è giallo paglierino scarico con lievi riflessi verdi. Il naso è contraddistinto da note varietali di frutta matura, fieno e muschio. Bocca fresca, intensità media. Sapido. Buona persistenza aromatica. Sembra che il 2008 si trovi in un momento di chiusura e profonda metamorfosi. La sua interpretazione è in questo momento difficile ed articolata.

Shiarà 2007 – punteggio 89/100
Giallo paglierino scarico con riflessi verdi. Naso verde, scontroso. Dopo qualche istante fanno capolino delicatamente sentori di nespola e susina. Cenni di pietra focaia. Nessun chiaro riferimento a fenomeni di ossidazione. Bocca composta, agile, ottima beva. Eccellente equilibrio tra parti dure e morbide. Un vino armonico e piacevole.

Shiarà 2006 – punteggio 85/100
La vendemmia 2006, caratterizzata da giorni di intense precipitazioni e grandinate, è un’annata difficile che ha richiesto una laboriosa selezione dei grappoli e spesso dei singoli acini. Il colore è giallo paglierino scarico. Naso minuto e floreale. Lievi cenni di elegante ossidazione. In bocca sottolinea una struttura meno imponente delle altre annate, anche la vena acida sembra meno marcata. Piace il senso della misura e la compostezza in un’annata giudicata “piccola”.

Shiarà 2005 – punteggio 89/100
È il primo esperimento di quest’idea di catarratto d’alta quota, il “numero zero” di Shiarà. È giallo paglierino con lievi riflessi color crema. Al naso si avvertono sentori balsamici e minerali tra i quali il rosmarino, alloro, pompelmo e lievi note sulfuree. Elegante, sorprende per l’ottima evoluzione dei profumi terziari. Da notare alcune curiose ed interessanti analogie con il vitigno sauvignon blanc. In bocca è asciutto, sapido, essenziale. Non cede mai di un millimetro e non dà segni di stanchezza. Un vino singolare che trova una paragonabile capacità di evoluzione solo in vini prodotti sul vulcano più alto d’Europa.

Francesco Pensovecchio


INFO
Totale bottiglie prodotte (vendemmia 2009): 13.000 bottiglie
Prezzo allo scaffale: 11 euro
Società Agricola Vitivinicola per Azioni
Castellucci Miano
Via Sicilia, 1
90029 Valledolmo (PA)
tel. 0921.542385
http://www.castelluccimiano.it/
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
 

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it