Banner
Banner
11
Dic

Oscar Green, Coldiretti premia le idee per battere la crisi

Allevare lumache a Campofelice di Roccella (Pa) per ricavarne del caviale pregiato (nella foto), utilizzare a Lecce il fico d’india e la sua fibra per rivestire i mobili, ricreare un vero orto in riva al mare del Salento per non rinunciare ai sapori della campagna anche in vacanza.

Per battere la crisi bisogna (re)inventarsi e i finalisti all’Oscar Green dei Giovani di Coldiretti, premio istituito sotto l'alto patronato del presidente della Repubblica e il patrocinio del ministero delle Politiche Agricole e di Expo 2015, lo hanno fatto rappresentando fedelmente un’intera generazione che guarda al futuro e ha voglia di riscattarsi.
 
Alcuni dei 18 finalisti al concorso, che premia la creatività, la legalità, la sostenibilità e la serietà di questi giovani imprenditori, sono letteralmente tornati “con i piedi per terra”, riscoprendo nell’agricoltura e nell’enogastronomia due settori dalle grandissime potenzialità. E allora perché non sperimentare la prima coltivazione di funghi recuperando i fondi del caffè, come fatto da Daniele Gioia in Basilicata, o prendere dall’Odissea quel vino di giuggiole assaggiato da Ulisse nell’isola dei Lotofagi e produrlo nelle Marche, o creare un prodotto ad hoc per i golosi o gli intolleranti con la prima mozzarella di latte di pecora.


Daniele Gioia, Recofunghi

Idee vincenti presentate dalla Coldiretti in occasione del primo dossier sulla “Svolta generazionale dell’economia italiana”, uno studio sull’andamento della nostra economia e sui giovani che oggi, più che mai, rappresentano quel tessuto produttivo, creativo e coinvolgente capace di rendere l’Italia ancora competitiva. I dati lo dimostrano: nei primi 9 mesi del 2013 un’impresa su tre è stata aperta da un under 35 per un totale di 100321 nuove attività. Cifre che confermano quanto sia rilevante il ruolo dei giovani nell’economia del Belpaese e quanto siano indispensabili per uscire dagli affanni provocati dalla crisi. In un’Italia vecchia dove l’età media dei presidenti delle associazioni (nell’industria, commercio o artigianato) è di 62 anni, quella della classe dirigente politica di 58 e della compagine di Governo 53, è chiaro che il processo di svecchiamento e di rinnovamento, per quanto già in atto, abbia bisogno di un’accelerazione. E il cambiamento non può riguardare solo le idee ma anche gli uomini.
 
“La possibilità di ripensare questo modello non può che passare da un profondo cambiamento che deve partire dalle classi dirigenziali – sottolinea il presidente di Coldiretti, Roberto Moncalvo -. Pensare che le prospettive di ripresa in campo economico siano nelle mani di una generazione che dovrebbe essere in pensione da un po’, non rassicura”.


il caviale di lumaca

L’Italia punta all’innovazione guardando alla tradizione in chiave futuristica, e lo fa scommettendo sul Made in Italy e sul cibo. Lo hanno capito anche i più giovani che ancora devono affacciarsi al mondo del lavoro: nell’anno scolastico 2013/2014 il 23% (1 su 4) dei nuovi iscritti gli istituti tecnici e professionali ha scelto come indirizzo l’agricoltura, l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera. Un trend positivo, con un aumento del 45%, anche per le iscrizioni universitarie nelle Facoltà di scienze agrarie, forestali e alimentari. Perché è proprio l’agricoltura, pensata in chiave moderna, che consente (insieme a pochissimi altri ambiti) di avviare una propria attività capace di esprimere una passione, un territorio e la propria cultura.


la conferenza di presentazione

Tra le tante novità di quest'anno, come sottolinea la stessa Coldiretti, è straordinaria l’esperienza imprenditoriale di Davide Merlino e Michelangelo Sansone che, scoprendo il settore dell'elicicultura, hanno dato vita vicino a Palermo al più grande allevamento di lumache d'Italia. Ma la tradizione agricola, combinata a idee giovani e di successo, ha portato alla ribalta altre realtà emergenti. Come quella di Ilaria Ambrosino il cui miele è stato premiato al Biofach 2013 di Norimberga e che ora commercializza anche il polline come rimedio curativo per il benessere psico-fisico e per il potenziamento delle difese immunitarie o l'azienda di Federico Allavena, a Bordighera, che riesce a coltivare più di 700 tipi di cactus, piante succulente e palme.
 
Se queste sono le premesse delle nuove generazioni, il futuro e la crisi fanno davvero meno paura.

Valentina Gravina

Share

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY