Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Cronache dal Vinitaly il 04 Maggio 2011
di Redazione

Catarratto, Nero d’Avola e Merlot. Sono i tre vitigni firmati ‘Terre di Giafar’ che hanno ricevuto la gran menzione al Vinitaly.

Un esordio tutto in positivo, dato che era la loro prima volta alla Fiera di Verona, per la cooperativa sociale nata da appena tre anni. “Il nostro obiettivo è produrre un vino di qualità ad un prezzo accessibile – spiega il presidente Antonino Spezia, agronomo e funzionario dell’assessorato regionale delle Risorse Agricole e Alimentari -. Abbiamo iniziato nell’agosto del 2008 quando siamo riusciti a prendere in affitto dal tribunale di Trapani la cantina”.
Si tratta dell’ex cantina Di Marino. Trecentomila circa sono le bottiglie prodotte annualmente. “Quattro euro è il costo dei bianchi, cinque quello dei rossi”. Ma di certo dopo i riconoscimenti ricevuti al Vinitaly, “questi tre vitigni diventeranno i nostri prodotti di punta”, aggiunge Spezia. Il nome Terre di Giafar è un tributo alla contrada Misiligiàfari. Duecento ettari di vigneto in provincia di Trapani, a Paceco. Un territorio ricco di attrazioni turistiche e culturali, oltre che enogastronomiche. Raggiungere la grande distribuzione è lo scopo attualmente principale della cantina: “Si lavora tanto, i sacrifici sono molti e per questo abbiamo anche voluto selezionare i nostri soci. – spiega Spezia – Di quelli che inizialmente hanno partecipato al progetto, ne sono rimasti pochi. Sono stati allontanati ventotto ‘pseudo-soci’ che, come consuetudine, portavano pochi quintali di uva solo per restare in gara su un possibile carro vincente. Abbiamo così scelto di mantenere – conclude - solo quelli che credono davvero nel progetto finale, ovvero fare da apripista per riaffermare il vero spirito cooperativistico con cui nasce una cantina sociale”. Importantissimo per il risultato finale è il ruolo dell’enologo: “E’ merito del giovanissimo Vincenzo Leone, ventottenne, il successo riscosso al Vinitaly”.

Sandra Pizzurro


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

1) Raviolo di cavolfiore, vaniglia e capasanta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search