Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Giada Giaquinta

Christian Guzzardi
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Maddalena Peruzzi
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Marcella Ruggeri
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni
Alessia Zuppelli

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Diario goloso il 27 Dicembre2011

di Armando Garofano 

Siamo ancora in Germania e continuiamo il nostro viaggio nella valle dell’Ahr.

Seguendo il corso del fiume si incontrano scenari incantevoli. Vigneti sospesi a mezz’aria o a forma di cuore, ritagliati in una foresta ancora selvaggia, tanto che le piante più giovani sono protette dai morsi dei cinghiali da una specie di manicotto di plastica. A inizio novembre, sulle viti vi sono ancora pochi grappoli di Pinot Noir lasciati di retroguardia, a raccattare gli ultimi raggi di sole per la raccolta tardiva.


Sistema per proteggere i vigneti dai cinghiali

La mineralità dei suoli è impressionante, le sfumature vanno dall'ocra al grigio al rosso ruggine al blu cobalto, tanto che pare di essere a Linosa. L'autunno mite rende ancora piacevole una passeggiata tra le vigne, ma il lavoro sporco qualcuno deve pur farlo e quindi si deve far rotta verso il produttore di punta della vallata, ovvero i fratelli Marc e Frank Adeneuer.


Vigneti nella valle della Ahr

La cantina Adeneuer si trova ad Ahrweiler, una cittadina adorabile risparmiata dalla devastazioni della guerra, poco fuori le mura medievali ancora intatte.
I fratelli Adeneuer vantano una storia familiare di 500 anni nella viticoltura, e sono considerati dalla critica i migliori produttori della zona. Non seguono i dettami del biologico, ma da anni utilizzano la lotta integrata per coltivare i circa 10 ettari di vigneto che racchiudono molti Grosses Gewächs (termine che equivale al francese “Grand Cru”). I prezzi sono tutt’altro che popolari, e per  i vini provenienti dalla migliori parcelle si vola ad oltre cinquanta euro a bottiglia.


Il vino J.J. Adeneuer Spätburgunder

Ci accoglie Frank, che è anche il kellermeister (l’enologo) e partendo dai vini più semplici ci fa assaggiare pure qualche chicca. Si inizia bene con il loro pinot nero di base J.J. Adeneuer Spätburgunder (a 11€) dai profumi accattivanti di rosa passita e rinfrescante al palato, ma salendo di qualità nella scala degli assaggi affiora una strana delusione. Infatti, aumenta l’intensità olfattiva, la concentrazione e il colore, ma i vini più cari e famosi sembrano appesantiti dall’impiego della barrique. È come se il produttore avesse voluto imporre un sorriso da villaggio vacanze ad una bellezza aristocratica e riservata.


 
I vini della Arh non sprizzano cordialità: al naso eleganti e in bocca sono scarni e severi. E il tentativo di ingentilirne il carattere altero non mi è parso pienamente riuscito.

Ho invitato un amico sommelier per avere la controprova, degustando il primo vino della gamma Adeneuer maturato in barrique, chiamato solo N°1. Almeno sul piano della sintesi del nome ci ha soddisfatto. Per il resto, il naso ruffiano e floreale tendeva a nascondere le note silvestri e minerali, pur rimanendo equilibrato e piacevole. In bocca invece l'effetto maquillage è stato purtroppo prevalente: l’abito gli stava bene ma c’era qualcosa che non convinceva appieno. Quindi, soprattutto alla luce del prezzo, ben 22€, i prodotti meno ambiziosi di Adeneuer paiono decisamente più riusciti.
 
Weingut Adeneuer
Max-Planck-Str. 8
53474 Ahrweiler
Tel. 02641 / 34473
Fax. 02641 / 37379

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Nino Ferreri

Limu - Bagheria (Pa)

2) Riso cicale di mare, limone e bottarga

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2023 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search