Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in I nostri consigli
di C.d.G.

di Manuela Zanni

Se, per caso, state pensando di presentarvi a casa di parenti ed amici con in mano il classico connubio panettone/spumante brut, fermatevi e riflettete.

Sappiamo che ve lo ripetiamo ogni anno, ma, come dicevano i latini, "repetita iuvant" e, soprattutto, vi eviterà di fare una figura "barbina" palesando apertamente la vostra inesperienza in fatto di vini. Siamo, anche, consapevoli  che cedere alla tentazione di acquistare confezioni promozionali contenenti il “famigerato connubio” a basso costo, in un periodo in cui di soldi se ne spendono tanti, tra regali, pranzi e cene, può essere facile, ma se siete ancora in tempo (speriamo proprio di sì) desistete e ascoltate i nostri consigli. La necessità di fare una "crociata" contro il tanto consueto quanto errato abbinamento tra panettone e spumante brut nasce dal fatto che quest'ultimo, per le sue caratteristiche gusto-olfattive, mal si presta ad accompagnare il morso dal gusto dolce e burroso del panettone di cui cancella, annullandola dopo il sorso, la piacevolezza al palato, con la propria astringenza. La situazione in Sicilia, poi, è ancora più complessa se si pensa alla quantità di dolci che accompagnano la fine di pranzi e cene, tutti caratterizzati da un gusto spiccatamente dolce, acuito dalla presenza di creme e pasta di mandorle che, ancor più del panettone, necessitano di essere abbinati  ad un vino dolce che ben li accompagni in un piacevole gioco di  armonici rimandi. 

Basti pensare alla dolcezza prorompente del composto di fichi, mandorle e miele contenuta nello “scrigno” croccante di pasta frolla del buccellato, dolce siciliano natalizio per antonomasia, immancabile sulla tavola delle feste. Per non parlare dell’opulenza della cassata, regina dei dolci siciliani, classica e al forno, il cui morso propone al palato un vero e proprio trionfo di sapori che l’astringenza di una bollicina brut andrebbe, irrimediabilmente, a penalizzare mortificando la dolcezza della crema di ricotta.

Discorso a parte meritano i dolci “sempiterni” come cannoli e cassatelle i quali essendo costituiti da una scorza fritta, nel caso dei primi, o totalmente fritti, nel caso delle seconde, potrebbero “tollerare” la bollicina, per ottenere l’effetto “sgrassante” del palato, a patto che si tratti di una bollicina dry (o, al massimo, extra dry) il cui gusto dolce, dovuto alla presenza di un residuo zuccherino compreso tra i 17 e i 35 grammi per litro, accompagnerà ogni morso in maniera equilibrata e mai stridente. A questo punto, di seguito, troverete alcuni suggerimenti di vini dolci da abbinare ai dolci tipici delle feste seguendo i quali, siamo certi, che farete una bella figura con i vostri cari.

Con il panettone, soprattutto se tradizionale, in cui sono spiccati i sentori degli agrumi canditi e uvetta, andrà bene lo Zibibbo dolce come Le Lire di Romeo Vini dal colore brillante con riflessi topazio, profumo intenso e armonico con sentori di frutta candita, floreali di zagara e sambuco e finale di nocciole tostate che impedisce la stucchevolezza del sorso.

Con il buccellato, il “burbero dal cuore tenero” di fichi, mandorle e miele, sarà perfetta la Malvasia delle Lipari di Hauner caratterizzata da un colore giallo ambrato con riflessi brillanti. Naso intenso di fichi secchi, datteri, albicocche disidratate, miele e spezie dolci. Il sorso è ampio, dolce e avvolgente sostenuto da una moderata freschezza che ne limita la stucchevolezza. 

Con sua maestà la cassata non potrete che abbinare il re dei passiti, il Ben Rye di Donnafugata. Il “figlio del vento” non necessita di presentazioni, per lui parlano le spiccate note di albicocca e gli intensi sentori di frutta candita resi agili da piacevoli erbe aromatiche. In bocca il sorso è persistente e la presenza di una buona spalla acida ne invoglia la beva. Se amate la cassata nella sua al versione più “umile” ovvero al  forno sebbene l’interno di crema di  ricotta  con gocce di cioccolato che fa capolino dal guscio di frolla la renda, comunque, un dolce abbastanza impegnativo, provate ad abbinarla al Moscato Passito la Gelsomina, la nuova realtà etnea delle Tenute Orestiadi, caratterizzato da un colore giallo con riflessi dorati e il naso di frutta gialla in confettura. In bocca è suadente sorretto dalla freschezza che ne allunga la persistenza.

Se poi siete tra coloro per i quali “il pranzo non può concludersi senza un cannolo” potrete accompagnarli, certi di non sbagliare, con il Caladeitufi di Mandrarossa,  vendemmia tardiva di Chardonnay, dal colore giallo paglierino  con riflessi dorati. Al naso piacevoli note agrumate addolcite da sentori mielati preludio di un sorso dolce e avvolgente dalle carezzevoli note di frutta in confettura. Chiude con freschezza ed eleganza. Se proprio non volete rinunciare alla bollicina, con le cassatelle fritte ripiene alla ricotta andrà bene Vino Spumante Excellent Extra Dry Rosè Metodo Classico Vsq, prodotto da Inzolia Rosa e Chardonnay, dal colore rosa scarico con perlage finissimo  e persistente. In bocca ha un sapore cremoso e dolce con profumi di frutti rossi e note vanigliate. La sua persistenza accompagna il palato “sgrassandolo” da un sapore “impegnativo” come la frittura.

Dulcis in fundo, dopo il dessert, su ogni tavola natalizia che si rispetti non può mancare la Pasticceria secca costituita da un misto di biscotti il cui filo conduttore è la presenza di mandorla  e frutta secca. Per accompagnarla degnamente non sbaglierete con il Passito di Pantelleria Ferrandes, una chicca da veri intenditori, caratterizzato da spiccati sentori di albicocca, datteri e arancia candita mitigati da una persistente acidità che ne impedisce la stucchevolezza rendendo ogni sorso un autentico inno alla gioia. Farete un figurone!

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search