Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 08 Novembre 2015
di C.d.G.

Perchè non c'è ancora nessun italiano tra i Master of Wine?
La domanda diventa martellante a pochi giorni dall'ingresso nel circuito dei winelover più prestigioso al mondo di ben 24 nuovi rappresentanti. 

Un record come abbiamo scritto qui. Ma nell'infornata nessun italiano ancora una volta. A dare un'occhiata complessiva ci sono sono MW da tutte le parti del mondo, dall'estremo Oriente alle isole dei Caraibi. Sono in tutto 320 e provengono in buona parte dal Regno Unito come è facile aspettarsi. La nostra infografica documenta bene tutto questo. I master of wine provengono da 24 nazioni. Ma come mai non ci sono italiani? È un problema di atteggiamento culturale nei confronti del vino? Siamo poco anglosassoni nell'animo anche se parliamo benissimo l'inglese?

È vero, qualcuno ci ha provato, giornalisti, produttori, comunicatori, sommelier, ma nessuno fino ad oggi ha rotto il ghiaccio che separa il nostro Paese da questo circuito ritenuto tra i più autorevoli al mondo. I MW sono corteggiatissimi in Italia. Basta vedere i volti dei produttori quando sono davanti a uno di loro. Forse ad avere un italiano che si possa fregiare dell'acronimo MW non cambierebbe molto. Ma per il vino l'Italia è pur sempre uno dei Paesi più importanti al mondo. E ci aiuterebbe. Il dibattito è aperto.

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search