Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso

Nel nuovo packaging la frase che sa di provocazione: Pierpaolo Ruta: "C’è chi si è sentito offeso, ma le responsabilità non sono certamente da imputare a noi o a Fud"

Denominazioni Igp, autorizzazioni, organismi di controllo e le tante, troppe anime dei produttori. Nel turbinio degli incartamenti necessari per ottenere un marchio, che dovrebbe valorizzare un’eccellenza e non mortificarla come purtroppo spesso accade, questa volta è finito il celebre Cioccolato di Modica. 

Ed è stato subito caos, al punto che allo stato attuale delle cose utilizzare la denominazione “Cioccolato di Modica” potrebbe, a breve, esporre i produttori e gli utilizzatori della denominazione a rischi di sanzioni. Un paradosso che può costare caro ad un intero comparto. Questa la ragione per cui la storica Cioccolateria Bonajuto e Fud Bottega Sicula lanciano in tutti i ristoranti Fud, in modo del tutto provocatorio, il nuovo packaging della classica tavoletta realizzata già da diversi anni con un’attenta operazione di co-branding e frutto dell’amicizia tra Andrea Graziano, ideatore del marchio Fud Bottega Sicula e Pierpaolo Ruta, erede e attuale amministratore di Antica Dolceria Bonajuto, in cui si legge la scritta "Cioccolato di un paese vicino Ragusa" e non "Cioccolato di Modica".

Come si è arrivati a questa situazione?

Tutto comincia nel 2017 quando il Consorzio di Tutela cioccolato di Modica deposita la proposta di riconoscimento del marchio Igp per la denominazione “Cioccolato di Modica” presso il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, dopo la riunione di pubblico accertamento prevista dalla legislazione, la domanda viene accolta e pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 05/05/2017. Il disciplinare, in assenza di opposizioni, è dunque passato all’esame dell’Unione Europea che lo ha a sua volta pubblicato (con qualche modifica) sulla Gazzetta Ufficiale Europea. Trascorsi 90 giorni dalla pubblicazione (scaduti lo scorso 7 agosto) ed in assenza di ulteriori opposizioni da parte di paesi terzi, la Commissione adesso dovrebbe procedere alla registrazione della denominazione “Cioccolato di Modica – Igp”. L’organismo di controllo Csqa individuato per l’effettuazione dei controlli sul prodotto, interpellato da Bonajuto, ha recentemente comunicato via email che ad oggi non è stato ancora approvato alcun Piano dei controlli per il prodotto del quale è stata richiesta la tutela e se dovesse avvenire la registrazione senza il Piano, nessuno potrebbe più usare il nome. Un bel caos, in cui si rischia un periodo di limbo durante il quale utilizzare la denominazione “Cioccolato di Modica” potrebbe addirittura esporre anche i produttori storici a rischi di sanzioni.  

“In questa situazione, senza nessuna certezza circa il corretto utilizzo della denominazione e delle modalità di certificazione – dice Pierpaolo Ruta – ho sentito l’esigenza di inventare una denominazione provocatoria che ci avrebbe permesso di spiegare cosa stava succedendo. C’è chi si è sentito offeso, ma le responsabilità non sono certamente da imputare a noi o a Fud. Ci sono degli aspetti del dossier di certificazione nei confronti dei quali sono stato inoltre personalmente molto critico e che in questi anni sono stati ignorati dagli attori principali della faccenda. In primis, la domanda presentata al Ministero non tiene conto della bella definizione che Leonardo Sciascia fece del “Cioccolato di Modica” (poiché dicendo il vero, lo descriveva solo alla cannella o alla vaniglia) e ciò avrebbe potuto a mio parere arrecare nocumento a tutte le altre tipologie nate in questi ultimi anni. Inoltre le origini mesoamericane della metodologia di lavorazione siano state “censurate” poiché poco avrebbero lasciato alla fantasiosa “certezza anagrafica” della quale ormai da anni ci si ostina a parlare pur di dimostrare che questa tipologia di cioccolato nacque a Modica, cosa a mio parere non vera. Per non parlare del fatto che all’interno del dossier si fa riferimento ad un articolo del “Times” che è in realtà un articolo pubblicato dal “Times of Malta” nel quale l’estensore afferma testualmente: “The chocolate is available in various flavours including vanilla, cinnamon, lemon, orange, peperoncino and even salty, none of them exactly to my taste. Un articolo che non mi pare faccia una bella pubblicità al nostro prodotto.”

In mezzo produttori, utilizzatori, consumatori e un intero mercato che rimangono paralizzati in questa impasse burocratica. “La legislazione e i marchi dovrebbero servire a valorizzare le nostre eccellenze non a creare un caos burocratico che fa male ad un intero comparto – risponde Andrea Graziano - Di fronte ad una situazione così assurda l’unica arma di difesa ci è sembrata l’ironia. Così abbiamo provocatoriamente scelto di creare un nuovo packaging per la tavoletta che è regolarmente venduta nei nostri ristoranti già da diversi anni”. Gli sviluppi di una tale situazione sono imprevedibili, di certo la qualità del cioccolato di Modica e la sua artigianalità secolare non verranno intaccate, ma la sua riconoscibilità sul mercato potrebbe avere gravi conseguenze.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Michele Rizzo

Agorà ristorante di pesce

Rende (Cs)

2) Carbonara di alici

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search