Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il caso il 15 Ottobre 2018
di C.d.G.


(Jacopo Biondi Santi)

Pubblichiamo la nota ricevuta da parte dello Studio Legale e Tributario Dentons in merito alla vicenda di Jacopo Biondi Santi

A fronte di contestazioni pari ad oltre cento milioni di euro, il Tribunale ha ridotto il sequestro a poco più di un milione di euro soltanto, che si riferisce peraltro ad atti compiuti da soggetti diversi dal signor Jacopo Biondi Santi e a lui non riconducibili. Il Tribunale del Riesame di Siena ha quindi confermato in pieno la tesi del collegio difensivo del signor Biondi Santi, costituito dagli Avvocati Enrico e Lorenzo De Martino per gli aspetti penali, dal Professor Giulio Andreani dello studio legale tributario Dentons per gli aspetti fiscali e dall’Avvocato Giovanni Gatteschi per quelli societari. Nella sostanza emerge quindi che il signor Biondi Santi mediante le proprie condotte, non ha evaso nemmeno un euro di imposta, perché, a seguito dell’emissione delle fatture ritenute (erroneamente) relative a operazioni inesistenti dalla Guardia di Finanza, il signor Biondi Santi ha sempre emesso entro i termini previsti dalla legge note di rettifica di tali fatture, eliminandone in tal modo tempestivamente gli effetti, impedendo quindi che si generasse un risparmio di imposta indebito.

L’importo di poco più di un milione di euro per il quale il sequestro continua a sussistere è infatti dovuto alla mancata rettifica di due sole fatture, la quale è dipesa dall’impossibilità per il signor Biondi Santi di emettere le relative note di rettifica, a causa della sua sostituzione, avvenuta suo malgrado, nella gestione delle sue imprese con un amministratore esterno nominato da altri a seguito di alcune controversie familiari. Il collegio difensivo esprime soddisfazione per la pronuncia del Tribunale che riconduce i termini delle contestazioni in un corretto ambito, del tutto opposto a quello inizialmente prefigurato.

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

1) Raviolo di cavolfiore, vaniglia e capasanta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search