Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Giada Giaquinta

Christian Guzzardi
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Maddalena Peruzzi
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Marcella Ruggeri
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni
Alessia Zuppelli

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il concorso il 11 Settembre2018


(I premiati dello scorso anno)

di Michele Pizzillo

Lunedì pomeriggio sarà svelato l’elenco dei 50 migliori vini italiani, selezionati da una giuria composta da esperti italiani ed esteri. 

L’idea di creare The Winesider Best Italian Wine Awards (TWS_BIWA) è del sommelier campione del mondo, Luca Gardini e di un giornalista del settore, Andrea Grignaffini, che sei anni fa presentarono la classifica di quelli che loro ritenevano essere la migliore espressione dell’enologia italiana. A sei anni dalla prima edizione, si può dire che per l’appuntamento settembrino c’è molta attesa perché la classifica è ormai ritenuta un punto di riferimento nel mondo del vino in Italia e all’estero. Così, lunedì 17, a Milano, presso il Centro congressi Fondazione Cariplo, a partire dalle ore 18,30, sfileranno i 50 vini selezionati e, contestualmente, si procederà anche alla consegna degli Awards, ovvero sei premi speciali fuori classifica, alle aziende, ai vini e al sommelier che si sono distinti nel corso dell’anno.

Tutto secondo i gusti di una giuria che riunisce 13 fra i maggiori esperti di vino al mondo che ogni anno partecipano alla degustazione, alla cieca, di oltre 350 etichette provenienti da ogni parte d’Italia. Per l’edizione 2018 il comitato internazionale si è arricchito di due nuovi giudici: Lu Yang, il sommelier più influente della Cina, primo master sommelier di quell’immenso Paese e Othmar Kiem fondatore del Gourmet Club Alto Adige, corrispondente per l’Italia di Falstaff. I nuovi giudici si inseriscono in una squadra ormai consolidata e composta da Kenichi Ohashi (l’unico Master of wine giapponese, Sake expert assessor e Master of Sake), la spagnola Amaya Cervera fondatrice del sito internet spanishwinelover.com e wine journalist con un’esperienza di oltre 15 anni, l’inglese Tim Atkin wine writer tra i più premiati al mondo e Master of wine con oltre 25 anni di esperienza e Christy Canterbury giornalista Usa, giudice, formatrice e Master of wine. E, ovviamente, Gardini e Grignaffini, affiancati da Luciano Ferraro, capo redattore del Corriere della Sera e firma della rubrica Corriere DiVini, Daniele Cernilli il Doctor Wine, decano della degustazione e giornalista enogastronomico fra gli artefici del Gambero Rosso, Antonio Paolini esperto critico enogastronomico e degustatore, co-fondatore della testata Vinodabere, coordinatore guide food Gambero Rosso e firma di alcune fra le maggiori testate di settore, Pier Bergonzi vice direttore de La Gazzetta dello Sport, fondatore della rubrica “Gazza Golosa” e Marco Tonelli, giornalista bolognese che da molti anni collabora con prestigiose riviste di enogastronomia e guide, primo Habanos Sommelier italiano.

Dal 2016, poi, “The Winesider Best Italian Wine Awards” è organizzato in main partnership con The Winesider, che è una innovativa piattaforma per la gestione della cantina dei ristoranti di qualità creata da Gianni Miscioscia e dal figlio Giacomo. Da segnalare, infine, che per il brindisi conclusivo della manifestazione, finora non mai stato utilizzato uno dei vini che appare in classifica; Gardini e Grignaffini hanno sempre evitate un eventuale conflitto d’interesse. E, quindi, facendo servire Champagne. Sarà così anche lunedì 17?

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2023 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search