Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il personaggio il 24 Aprile 2018
di C.d.G.

Parla Filippo Mobrici, presidente del consorzio della Barbera d'Asti e Monferrato e anche a capo del nuovo "mega consorzio" che raccoglie il 90 per cento delle Doc e Docg piemontesi


(Filippo Mobrici)

di Aurora Pullara

Dalla Calabria si è trasferito al nord prima per studio e poi c'è rimasto per amore: amore per sua moglie e per una terra che ha imparato ad apprezzare con le sue tante eccellenze. 

Stiamo parlando di Filippo Mobrici, presidente del Consorzio della Barbera D'Asti e Vini del Monferrato, eletto nei mesi scorsi anche numero uno di Piemonte Land: il consorzio dei Consorzi che promuove il 90% delle Doc e Docg piemontesi. E’ agronomo alla Bersano di Nizza Monferrato ed è, anche, il presidente del Gal (gruppo di azione locale) del Sud Astigiano. Lo abbiamo incontrato al Vinitaly e ci ha raccontato la sua storia e i suoi progetti, in primis Piemonte Land: "E' una struttura complicata, è la sintesi del vino piemontese, non si può ancora fare un bilancio di questi primi mesi, a sensazione - spiega Mobrici - è una struttura che se utilizzata bene può dare tanto al Piemonte, in modo univoco si presenta anche in Italia. Diversità come ricchezza e unità nella promozione. E' una grande opportunità, deve ancora esprimere tutte le potenzialità, abbiamo un futuro da costruire”.

Che aiuto da il Consorzio alle aziende e ai produttori all'interno del Vinitaly?
“Aiutiamo i piccoli produttori e le piccole aziende a poter essere presenti, lo facciamo al Vinitaly ma anche alle altre fiere del mondo. Qualcuno lamenta che noi siamo troppo presenti, però noi consentiamo con un desk collettivo a tutti di essere qui”.

Parola d'ordine?
“Vitigni autoctoni. Come Consorzio abbiamo due sfide: la prima sfida è la Barbera D'Asti che esportiamo al 60% e dobbiamo far conoscere sempre più, però non dobbiamo dimenticare i 50 vitigni autoctoni coltivati in Piemonte, una biodiversità che il mondo ci invidia e ci stiamo adoperando a promuoverla, soprattutto in Italia stessa, dove ancora il mercato è saturo e ci dobbiamo fare spazio”.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Zaccardi

Pashà Ristorante

Conversano (Ba)

3) Animelle, fagiolini e tartufo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search