Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il personaggio il 13 Gennaio 2017
di C.d.G.


(Monica Larnber - ph Corriere.it)

Monica Larner non ha dubbi. Il 2017 sarà l'anno di alcuni vini italiani.

Lo rivela a Luciano Ferraro per la rubrica DiVini del Corriere della Sera. Larner racconta che si occuperà "in maniera democratica" di Nord, Centro e Sud. Ama la Basilicata, "il Vulture e il suo Aglianico mi affascinano". Poi prosegue: "Punto sul Nerello Mascalese dell’Etna, dove vado spesso. Può conquistare nuove frontiere. Continuerò a girare in Piemonte, Veneto e Toscana, dove ci sono denominazioni che offrono qualità incredibile. Sono interessata ai grandi cambiamenti del Fiano, un vitigno capace di longevità. Mi occuperò di Sangiovese toscano, Brunello e oltre. Ora più che mai riesce ad esprimersi nelle differenti microzone. Sono colpita dall’evoluzione del Chianti Classico. A Nordest mi aspetto risultati interessanti per Friulano, Malvasia, Sauvignon e Pinot bianco".

Insomma Monica non si fermerà mai. E non la già adesso, nel suo ufficio che si trova a Roma a pochi passi dal Colosseo, dove stappa, assaggia e valuta circa 3 mila bottiglie l'anno. Figlia del regista Stevan (tra i suoi film Radici, Uccelli di rovo, Visitors), ha subito mostrato una passione per il mondo enologico. Dopo la laurea in giornalismo a Boston e New York, Monica è tornata in Europa, è diventata sommelier e ha recensito 16 mila vini. Dal 2013 è la responsabile per l’Italia di Wine Advocate, il gruppo del guru della critica enologica, Robert Parker. E' una donna potente che può cambiare il destino di un’azienda. Ora un suo 100/100 assegnato a un vino scatena una tsunami commerciale, un’onda che parte dagli Stati Uniti ed è in grado di sommergere di ordini una piccola cantina. È successo così a Montalcino, nel 2015 con il Brunello Tenuta Nuova 2010 di Casanova di Neri ed il Brunello Madonna delle Grazie 2010 del Marroneto.

Per le aziende italiane teme il ricambio generazionale: "I figli degli attuali patron hanno viaggiato, parlano le lingue, hanno frequentato scuole enologiche. Sarà interessante vedere se ci saranno cambiamenti stilistici".

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giuseppe Molaro

Contaminazioni restaurant

Somma Vesuviana (Na)

4) Carota, bufala e pomodoro del Piennolo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search