Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il personaggio il 24 Ottobre 2013
di C.d.G.

Ama il cibo, è curioso, è un punto di riferimento del giornalismo enogastronomico in Italia. Eppure Luigi Cremona, 68 anni, si mantiene come un figurino.

Merito delle celeberrime “porzioni Cremona”, versioni striminzite dei piatti che deve recensire. “Perché chi mangia tanto – dice lui – assaggia con la pancia mentre il critico deve assaggiare con la testa”.

Un personaggio Luigi Cremona che deve proprio al suo modo particolare di degustare uno degli incontri più importanti della sua vita. “Era la fine degli anni settanta, viaggiavo sempre lungo l’Italia e l’Inghilterra per il mio lavoro da ingegnere. Rimasi affascinato dagli articoli di Veronelli e dalla guida de L’Espresso. Un giorno ero a tavola in un ristorante storico di Roma che adesso non c’è più, mi arrivavano i piatti, assaggiavo e mandavo indietro. Allora i gourmet erano coloro che mangiavano tanto, la persona accanto a me pensava fossi pazzo: era Umberto D’Amato, curatore della Guida de L’Espresso. Da quel giorno diventai il suo principale collaboratore”.

Cremona ha una sua filosofia e il ragionamento non sembra fare una piega. “Quando assaggi il vino cosa fai? Lo sputi no? Ecco, siccome il cibo non si può sputare, allora ne mangi pochissimo”. Ha girato il mondo in lungo e in largo, Cremona. “La passione per il cibo – continua - è scattata visitando i mercati orientali, in Cina e in India. Eppure sempre in Oriente, in Corea, ho trovato la cucina che meno mi piace, piena di roba fermentata che non riesco a digerire”. Sul piatto più buono, però, non si esprime. “Ho tantissimi bei ricordi, in Sicilia per esempio, la prima fermata era Nunnari, rosticceria di Messina”. Negozio di un tempo che non c’è più, soppiantato da chef e critici che proliferano in tv. “Da un lato è stato un bene – commenta Cremona – perché ha attirato molta gente sul cibo. Quando ho iniziato io ero un alieno, adesso invece siamo tantissimi, ma è difficile trovare critici preparati. È questo è il versante negativo della cosa”.

Francesco Sicilia


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giuseppe Molaro

Contaminazioni restaurant

Somma Vesuviana (Na)

4) Carota, bufala e pomodoro del Piennolo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search