Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il personaggio
di C.d.G.

 "Ad un imprenditore che desiderasse cimentarsi nella produzione di vini dell’Etna suggerirei di non perdersi in progetti faraonici ma di puntare sulla semplicità nel rispetto dei diversi terroir, di avere poche idee ma chiare, di stare con i piedi per terra e di guardare sempre avanti".

A parlare è Michele Bean dopo che Cronache di Gusto ha diffuso la notizia sulla sua collaborazione con Giuseppe Benanti. Bean ha preso il posto di Salvo Foti, l'enologo di vecchia data dell'azienda di Viagrande. 

L'Etna è un territorio vitivinicolo di riferimento in Italia. Lei dopo l'esperienza con Cottanera prosegue con Benanti. Rispetto agli anni passati l'Etna Doc si sta evolvendo? Se pensa di sì verso quale direzione? La tipicità, il legame col territorio è saldo?
"La Doc Etna è una realtà sempre più importante. I consumatori che la apprezzano sono in continua crescita. C’è ancora molto da lavorare, ma la valorizzazione dell’unicità del territorio, intrapresa dai produttori in questi anni, è certamente la direzione giusta".

Come nasce questo legame professionale col Cavaliere Benanti?
"Quasi per caso. Ho conosciuto il Cavaliere Giuseppe Benanti a Ein Prosit 2011dove era intervenuto per raccontare il proprio territorio e la sua azienda. Tra i relatori c’ero anche io, chiamato a dare testimonianza della mia esperienza sull’Etna e nelle altre parti d’Italia. Mi colpì la sua presentazione e mi riconobbi nella sua visione etica. Proprio per Sant’Agata abbiamo siglato il nostro accordo che prevede l’esclusiva, fatta eccezione per Wiegner,  una piccolissima azienda situata nel nord dell’Etna, perché sono convinto che un enologo debba concentrarsi su uno sparuto numero di aziende del territorio condividendo la filosofia e la missione del produttore, proprio per ragioni di specificità. 

Qual è in generale il suo giudizio sul vino siciliano?
"E’ una che richiederebbe una risposta di molte pagine. Sicuramente ciò che più mi affascina di questa regione è la biodiversità e la ricchezza di espressioni che il territorio sa dare ai singoli vitigni. Trovo interessante l’asse Faro/ Etna/Vittoria/ Pachino. Credo inoltre che il Golfo di Milazzo avrà sviluppi interessanti."

Quali consigli dare ad un produttore che si cimenta a produrre vini sull’Etna?
"Innanzitutto desidero precisare che, proprio per la peculiarità del Territorio etneo e dei vitigni autoctoni in esso esistenti, sull’Etna bisogna produrre “vini dell’Etna”. Credo che in questo momento il mondo del vino non abbia assolutamente bisogno di nuove aziende; ma che quelle già esistenti lavorino sempre meglio, certamente sì. Ad ogni modo, ad un imprenditore che desiderasse cimentarsi nella produzione di vini dell’Etna suggerirei di non perdersi in progetti faraonici ma di puntare sulla semplicità nel rispetto dei diversi terroir, di avere poche idee ma chiare, di stare con i piedi per terra e di guardare sempre avanti. E soprattutto, come dice il Cavaliere Benanti, di rifiutare la logica del poker “piatto ricco, mi ci ficco”. Infine, di armarsi di tanta pazienza. Nel mondo del vino anche dieci anni di viticoltura non sono nulla!"

Con quale animo si appresta a raccogliere l'eredità lasciata da Salvo Foti?
 "Con Tranquillità. Ci sarà da lavorare. E' una realtà importante. Adesso sono solo all'inizio. Come dite voi siciliani "camminando andando", quindi vedremo man mano".


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search