Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il personaggio il 07 Maggio 2013
di C.d.G.

Il gelato è il suo mestiere ma è anche una passione che lo ha portato ad essere selezionato tra i migliori sedici gelatieri d’Italia per partecipare alle Olimpiadi del gelato che si sono aperte nei giorni scorsi a Roma.

Peppe Cuti, 37 anni, palermitano, proprietario e maestro gelatiere de “Il Gelatone” di via Autonomia siciliana a Palermo, ha difeso i colori della sua città portando in gara  un gusto che più palermitano non si può: il gelato allo zammù. Un omaggio alla tipica bevanda delle estati torride del capoluogo siciliano, l’acqua e anice, o zammù appunto, ottima per trovare un po’ di sollievo dalla calura.  

Un’esperienza importante quella di Roma per Cuti, che maestro gelatiere è diventato per amore del buon gelato e delle materie prime di qualità. “è stato stimolante trovarsi a confronto con i migliori d’Italia – racconta – Ho tenuto alto il buon nome del nostro gelato e gli organizzatori mi hanno proposto di entrare al far parte dello staff della manifestazione”. Intanto, tra una docenza in una scuola di cucina specializzata a Brescia, un’altra a Palermo dove insegna cucina senza glutine, e varie consulenze, Peppe Cuti continua a fare il suo gelato partendo dalla materia prima. Alle classiche creme e ai gusti alla frutta, si affiancano quelli agli ortaggi di stagione e le varie sperimentazioni come il gelato al gorgonzola o quello al caciocavallo, per palati robusti. “Nessun preparato ma solo prodotti di qualità – spiega – perché con questi, uniti ad una buona formazione, si può fare un ottimo gelato artigianale. E la fila davanti al bancone della sua gelateria sembra dargli ragione.

Clara Minissale


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giuseppe Molaro

Contaminazioni restaurant

Somma Vesuviana (Na)

4) Carota, bufala e pomodoro del Piennolo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search