Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il prodotto il 26 Febbraio2019

Sgombri, tonni ma anche acciughe e sardine conservate nel legno come si faceva in passato. Il titolare dell’azienda: “Così valorizziamo profumi e sapori, tutto è più buono”


(Francesco Mattina)

È noto che già nell’antica Roma, la salagione delle acciughe in botti di legno fosse il miglior metodo di conservazione del pesce. 

Rifacendosi a quella che fino al secolo scorso era pratica abituale anche in Sicilia, l’azienda Nutritalia di Trappeto, in provincia di Palermo, ha ben pensato di riproporla ai giorni nostri. Nata nel 2017 (proseguendo il know how di un’altra esperienza imprenditoriale), grazie all'intuizione di Francesco Mattina e con lo scopo di valorizzare la materia prima attraverso lavorazioni a mano che appartengano alla storia della Sicilia, l’azienda conserviera non poteva lasciarsi sfuggire l’occasione per re-immettere sul mercato un prodotto così trattato che raccontasse, non solo il proprio territorio di appartenenza, ma la tradizione ad esso legata. “Il pesce sotto sale - spiega Mattina – è stato la principale fonte di sostentamento di marinai e agricoltori per secoli ed è grazie a questo metodo di conservazione se era possibile commercializzarlo anche nelle terre più lontane. Noi abbiamo deciso di riprendere questo tipo di salagione che si era perso il secolo scorso per l’avvento prima del ferro e poi della plastica e dell’acciaio, principalmente per le caratteristiche organolettiche che dona al prodotto. Il pesce così trattato, infatti, presenta particolari profumi e aromi, oltre ad un sapore tendente all’affumicato. Il legno delle nostre barrique è di castagno tostato, ovviamente non trattato nel pieno rispetto delle norme igieniche, e dagli esperimenti fatti ci siamo accorti che più matura e più dona al prodotto un gusto particolare. Gusto che varia anche al variare dei tempi di stagionatura”.

Questo tipo di salagione varia a seconda della tipologia del prodotto ittico. Per sarde, acciughe e alacce, il pesce fresco intero non eviscerato viene dapprima spolverato di sale marino fino e poi posto nelle botti su più livelli alternato a strati di sale marino grosso. Giunti alla bocca della barrique, viene posto il coperchio sempre in legno di castagno su cui sono posizionati, per garantire la compressione, pesi in marmo da circa 30-35 chili che via via, con lo scorrere del tempo, vengono sostituiti da pesi più leggeri. Una volta raggiunta la maturazione, il pesce viene sfilettato e inscatolato o posto nei vasetti, a seconda dei casi. La salagione di sgombro e tonno invece, trattandosi di pesci di dimensioni maggiori, varia nella fase iniziale: si procede all’eviscerazione e, nel caso dello sgombro, viene posto in botte intero. Il tonno, invece, viene tagliato a tronchi con tutta la pelle. In tutti i casi, il pesce rimane nelle botti dai 3 ai 4 mesi nei periodi più caldi, almeno 30 giorni di più in quelli più freddi. Anche i locali dove sono poste le barrique sono stati scelti non a caso. Si tratta infatti di un’area dello stabilimento rialzata ed esposta alla brezza marina, caratteristica che esalta ulteriormente il sapore del pesce. 

Di recente è partita la prima produzione che sarà pronta già a maggio. Si tratta di 20 botti con capienza di stoccaggio di 300 chili a botte. Si è deciso di partire con lo sgombro che, insieme al tonno, è il pesce con la cui lavorazione nasce l’azienda, ma si pensa già ad inserire acciughe o alacce, a seconda di quello che il mare donerà. “Abbiamo previsto che nell’arco di un anno arriveremo a raddoppiare se non a triplicare la produzione. – continua Mattina – C’è già molta richiesta perché, essendo, credo, l'unica azienda siciliana ad avere recuperato questo trattamento, abbiamo suscitato molto interesse, specie nei negozi che commercializzano prodotti di nicchia e nella piccola distribuzione. Appena il prodotto sarà pronto per essere messo in commercio, contatteremo anche i ristoratori.” Una cosa però è chiara: il prodotto non finirà nella grande distribuzione organizzata. Non per una questione di “snobismo” ma per dare ancor di più una connotazione di qualità a chi ne fruirà.

S.P.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search