Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il prodotto il 15 Marzo 2012
di C.d.G.

di Giovanni Paternò

Se il Nero d'Avola rappresenta il rosso autoctono siciliano per antonomasia, per i bianchi la Sicilia non ha un solo vitigno che la possa identificare e rappresentare.

 A nostro giudizio sono quattro i vitigni che per diffusione, caratteristiche e successo meglio interpretano la tradizione: Grillo, Insolia, Catarratto e Carricante. Questi vitigni a  bacca bianca sanno esprimere al meglio il calore, la mineralità, i profumi, i sapori dell'isola. Li troviamo spesso in purezza o anche in blend fra di loro o con altri alloctoni tipo lo Chardonnay.
 
Dando un'occhiata in enoteca, ci siamo imbattuti in una nota etichetta: l'Adènzia di Baglio del Cristo di Campobello, che sapevamo essere un blend di grillo e chardonnay; invece con l'ultima annata, il 2011, il Grillo lo troviamo in compagnia dell'Insolia, o inzolia o ansonica, come più vi aggrada.

Abbiamo chiesto a Carmelo Bonetta, uno dei titolari dell'azienda, il perché di questa unione e di questo cambiamento; ci ha risposto: “Anche se la nostra è una cantina nuova, il primo anno di produzione è il 2007, confortati dal successo che i nostri vini hanno ottenuto, sia in termini di premi che di vendita, abbiamo voluto riprendere quanto più possibile i vitigni autoctoni siciliani, cioè quelli che meglio riescono ad illustrare le caratteristiche del nostro territorio. Abbiamo già un Grillo in purezza che è “LaLùci”, così nell'Adènzia abbiamo sostituito lo Chardonnay con l'Insolia anche perché abbiamo visto che le peculiarità dei due vitigni del nostro territorio in provincia di Agrigento si sposano in maniera perfetta.”


Inzolia


Grillo

Seguendo la filosofia della cantina, anche in questo vino la qualità è data  da: attenta cura in vigneto con robusti diradamenti, basse produzioni, vendemmie nel miglior momento vegetazionale, raccolta delicata a mano e in cassette e un'accurata vinificazione. In particolare per questo vino: macerazione a 10° C, pressatura soffice, decantazione del mosto per sedimentazione a freddo, tre mesi di affinamento in acciaio sulle fecce fini a temperatura controllata e batonnages settimanali; dopo la filtrazione dolce, in bottiglia per almeno due mesi.                                             


Vigneto della cantina

La bottiglia è una scura borgognona, l'etichetta molto elegante in carta madreperlata con delicati caratteri grigi avvolge il vetro per due terzi e spiega che dare "adènzia" significa ascoltare. Il colore è giallo paglierino carico.

Al naso la prima impressione è di trovarsi al mercato della frutta, tanto il fruttato è evidente e intenso, in particolare le note di banana, pesca, pera, mela, agrumi, ananas sono evidenti come il floreale del glicine e della viola. E' un pot-pourri, ma non caotico, anzi piacevolissimo ed equilibrato.

Al palato immediatamente ritroviamo il trionfo da cornucopia  dei sentori già avvertiti, seguiti dalla mineralità e da una giusta sapidità accompagnate da un'armonica e fresca acidità.

Il retro gusto, lunghissimo, lascia una piacevole, tenue, nota d'amaro che fa si che il fruttato e il floreale svaniscano prima di diventare stucchevoli. Un vino che ci ha veramente impressionato e che allo scaffale possiamo trovare a 9,50 euro.
Nella retroetichetta si legge: “grillo e insolia in un valore più grande della loro somma”. Parole non esagerate.

Baglio del Cristo di Campobello 
Contrada Favarotta Strada Statale 123 Km. 19,200  
92023 Campobello di Licata Agrigento
Tel. 0922 877709
www.cristodicampobello.it


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search