Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il prodotto il 11 Febbraio2013

di Massimiliano Montes

Il Tai rosso di Daniele Portinari è uno dei vini che più mi ha sorpreso ultimamente.

Assaggiato a Villa Favorita l'anno scorso, riassaggiato a Fornovo di Taro, e finalmente bevuto come si deve ultimamente.


Daniele Portinari

Dal 2007 per disposizione della Comunità Europea non è più possibile usare in Italia il nome Tocai, in quanto simile al nome ungherese Tokaji, che identifica sia una città che un vino. Tai è il nome che da allora è stato dato a questo autoctono veneto. Ma Tai in lingua friulana significa anche “bicchiere” di vino. Un Tai di rosso è un calice di vino rosso.
I miei quattro lettori conosceranno sicuramente questo vitigno, forse con altri nomi: grenache, alicante, cannonau. Oppure guarnaccia in Campania e Sicilia. Analisi genetiche e molecolari, nel 1990, hanno confermato che si tratta proprio della stessa uva, chiamata diversamente dalle popolazioni locali, e probabilmente dispersa nel bacino del Mediterraneo da francesi e spagnoli.

Nel vicentino ci sono tracce di quest'uva nelle leggende locali, che la vogliono introdotta dai Canonici di Barbarano nel XIII secolo. Storicamente, la prima descrizione del tocai rosso risale agli anni '40, con la denominazione di Tocai di Barbarano. Oggi è uno dei vitigni più diffusi in Veneto e Friuli.

Il Tai rosso è l'ultimo arrivato in casa Portinari. Da un vigneto di recente impianto, Daniele dal 2009 vendemmia questo Tai in purezza. L'azienda Portinari coltiva anche merlot, cabernet sauvignon, pinot bianco e tai bianco, impiantati tra la fine degli anni ottanta e l’inizio degli anni novanta, nel comune di Alonte, in provincia di Vicenza, a ovest dei Colli Berici.
Daniele è un convinto assertore della naturalità nei processi produttivi, dalla vigna alla cantina. In vigna usa solo piccole quantità di rame e zolfo. In cantina fermenta spontaneamente, senza inoculare lieviti selezionati, non usa additivi chimici o coadiuvanti, e non filtra.


Vigneto di Portinari

La prima volta che ho assaggiato questo vino è stato l'anno scorso a Villa Favorita, ed era proprio la prima vendemmia, il 2009. Recentemente ho invece bevuto la seconda annata di Daniele, il 2010. Nonostante la gioventù delle viti, il risultato è eccellente.

Rosso rubino, di un bel colore intenso, trasparente sull'unghia, è un vino vivo. Il profilo aromatico ha una naturale evoluzione dopo l'apertura della bottiglia. All'inizio intriga con aromi di gelsi neri e di confettura di gelsi, mora e confettura di mora, petali di rosa in essiccamento, radici di liquirizia. Col passare del tempo gli aromi si approfondiscono, diventano più seriosi. La componente fruttata e floreale viene affiancata da cuoio e pelle, un leggero goudron, sottobosco e corteccia d'albero. Il finale si allunga e la persistenza raggiunge tempi rimarchevoli.

È proprio buono questo Tai, riesce a coniugare la piacevolezza di un frutto scuro e passionale con una mineralità e una profondità che emergono nei tempi e nei modi giusti. Credo che in futuro, con la maturazione dei vigneti e l'approfondimento dell'apparato radicolare, questo vino ci riserverà ulteriori sorprese.

Azienda Agricola di Daniele Portinari
Via Colombello  Alonte - Vicenza 
tel. 0444 830182
www.viniportinari.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Paolo Barrale

Aria Restaurant

Napoli

4) Vino e percoche

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search