Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La degustazione il 21 Giugno 2019
di C.d.G.

Una degustazione, a cura della Fondazione Italiana Sommelier, molto partecipata alla scoperta dei sapori d’Italia, concentrati in un ottimo calice di vino. 

Ecco il resoconto della masterclass “Luca D’Attoma e Andrea Lupi sull’Etna” che si è tenuta nella cantina Terra Costantino a Viagrande in provincia di Catania accolta con grande favore di pubblico, composto da professionisti e winelover. Sorrisi, sguardi complici e tintinnìo di bicchieri. Per ben due ore, l’attenzione dei presenti è stata catalizzata dall’enologo fiorentino pluripremiato a livello internazionale, Luca D’Attoma; il presidente del comitato scientifico della Fondazione italiana Sommelier - Fis, Daniela Scrobogna e il presidente della Fis Sicilia, Paolo Di Caro. “Quello di questa sera - ha dichiarato Luca D’Attoma - è un grande appuntamento per il territorio etneo: ci siamo concentrati sulle straordinarie potenzialità che questo ha non soltanto nella produzione del vino rosso, per cui è già ampiamente conosciuto, ma anche in quella del bianco. Il mio lavoro, del resto, è quello di far scoprire alle varie aziende il modo per valorizzare i propri punti di forza e il territorio di Viagrande ne ha davvero tanti”.

Dodici vini con la loro storia, i loro inebrianti odori e invitanti sapori, sono stati analizzati con grande maestria, fondendo dati tecnici alla prosa coinvolgente, propria dei grandi professionisti che sono stati seduti al tavolo dei relatori. “Alla produzione del buon vino bianco dell’Etna in passato è mancata la fiducia da parte dei produttori – ha dichiarato la sommelier Daniela Scrobogna – Finalmente c’è stata un’inversione di marcia e si sta puntando su grandi vitigni come il Caricante, che offrono vini dalle infinite sfaccettature”. Un focus sulle differenze tra i vini che non sono determinate solo dalla mano dell’uomo, quindi, ma anche dalla qualità dei terreni. “Il territorio etneo sta diventando, a ritmi sempre più rapidi – hanno affermato Dino e Fabio Costantino, proprietari della cantina - il fulcro dell’enologia mondiale e, in quest’ottica, abbiamo organizzato l’evento di venerdì scorso, che ci ha dato grandi soddisfazioni. Luca D’Attoma ha raccontato i vini della propria produzione qui da noi, puntando al confronto con quelli dell’Etna, per valutare insieme le risorse locali, in un’ottica di crescita comune verso il mercato nazionale e internazionale”.

“Immersi in uno scenario naturale e straordinario – ha dichiarato Paolo Di Caro – oggi ci siamo resi conto di quanto sia importante il lavoro congiunto ed affiatato tra il produttore del vino e l’enologo per portare il prodotto sul mercato internazionale. In questo contesto, noi della Fondazione Italiana Sommelier, siamo scesi in campo per permettere la degustazione di vini rosati, bianchi e anche qualche rosso, con il preciso obiettivo di esaltare la grande ricchezza di cui disponiamo”.

Resoconto da 10 e lode anche per la seconda parte della serata, che si è tenuta sul terrazzo della tenuta con un panorama mozzafiato, su cui si sono snodate diverse isole dei sapori, sapientemente dirette dalla regia culinaria dello chef Seby Sorbello. Con il preciso obiettivo di riscoprire i gusti della tradizione siciliana e valorizzare la produzione della cantina Terra Costantino, in apertura gli ospiti hanno gustato i “Welcome drink” a cura del bar tender Luciano Ferlito, che ha miscelato i raffinati vini dell’Etna per la prima volta con un bitter. Poi ci si è concentrati sulla cena sopraffina composta da 12 portate.

Degna di nota la proposta originale e dalle note intense il Gambero rosso di Mazara servito su una dadolata di ortaggi al profumo di timo con fonduta di Ragusano Dop, ricoperto da scaglie al tartufo dell’Etna. Per gli amanti del pesce ha incantato il Tataki di tonno con una suggestiva schiuma di Etna bianco. E per chiudere in bellezza una piacevole serata, destinata ad essere ricordata, con un mix di profumi e sapori tipicamente siciliani, in tavola sono state servire delle granite perfettamente abbinate con delle mini brioche il tutto abbinato con 24 pregiati vini in degustazione.

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search