Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La degustazione il 03 Agosto2016

di Daniele Cernilli, Doctor Wine

Annata disgraziata, piogge, attacchi di botrytis, vendemmie difficilissime, qualità molto discutibile. Quante ne abbiamo sentite sulla vendemmia del 2014…

Eppure in alcune regioni è andata molto bene, in Sicilia, in particolare sull’Etna, in Sardegna, dove è considerata fra le migliori del secolo. Poi i rossi hanno avuto alcuni problemi, ma dipende da quali vitigni derivavano, ma per i bianchi in qualche caso è stata un’annata straordinaria. Qui ve ne commento alcuni che, a mio parere, sono assolutamente formidabili.

Cervaro della Sala 2014 - Umbria Igt - Castello della Sala
Un famoso enologo francese in degustazione coperta ha giurato che fosse un Batard Montrachet, ma che non riusciva a collocarlo bene, forse un nuovo produttore. Invece era il Cervaro, chardonnay 90%, grechetto 10%, barrique per un anno almeno. La versione del 2014 ha meno struttura e più acidità, il colore è meno carico, i profumi virano verso la pietra focaia e gli agrumi, con qualche ricordo di susina gialla. Il sapore è salino, agile, fresco, elegantissimo, di beva coinvolgente e finale magari sottile ma lunghissimo. Mi espongo, per me è il migliore di sempre.

Vintage Tunina 2014 - Venezia Giulia Igt – Jermann
Deriva dal complesso e storico blend tra chardonnay, che passa in parte e per qualche mese in barrique, poi sauvignon blanc e, in piccola parte, ribolla gialla, malvasia istriana e picolit. La vendemmia del 2014 gli ha donato grazie e agilità, profumi di fiori di campo e di pesca bianca, sapore salino, fresco e molto piacevole, ottima persistenza. Invecchierà bene, tra l’altro, il ph è sufficientemente basso per farlo prevedere.

Fiorduva 2014 - Costa d’Amalfi Furore Bianco Doc - Marisa Cuomo
Ripoli, fienile e ginestra sono le uve locali dalle quali deriva, la Costiera è lo scenario che le rende mature e profumate. La vendemmia 2014 ha consentito che l’acidità riuscisse a equilibrare in modo delizioso la massa estrattiva che un vino del genere propone quasi sempre, tanto è profondamente mediterranea la sua origine. Così i profumi di cedro, di gelsomino, di nespola matura dominano il campo, e una delicata freschezza rende questo vino semplicemente indimenticabile.

Contrada Calderara 2014 - Etna Bianco Doc – Cottanera
Da uve carricante. Qui c’è anche un pizzico di legno a rendere la scena più complessa e articolata. È alla prima uscita, ma già si capisce che qui è nata una stella. Una meraviglia. Naso con note di pietra focaia, pesca bianca, agrumi, sapore teso, pieno, in dialettica continua tra calore alcolico e freschezza acida, a rendere quasi sensuale e di certo coinvolgente la bevibilità. Finale molto persistente.

Sauvignon Riserva 2014 - Alto Adige Sauvignon Doc - Cantina Produttori Bolzano
Alla base c’è uno dei migliori sauvignon dell’Alto Adige, da vigneti alti e drenati. Poi c’è la sapienza di Stephan Filippi, magico Kellermaister, che è riuscito a far convivere le note tioliche del sauvignon con un tocco di legno piccolo che non è per nulla coprente. Ha un passo bordolese, fa pensare a Domaine de Chevalier, tanto per capirci, e la mandorla fresca e un pizzico di pietra focaia duettano con note di sambuco, di anice e di kiwi.

Sauvignon Piere 2014 - Friuli Isonzo Rive Alte Doc - Vie di Romans
Quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare, diceva John Belushi. Il duro in questo caso è Gianfranco Gallo, che in un’annata non facile ha prodotto un grandissimo Sauvignon, che recupera alcuni aspetti “nordici” accanto ai consueti toni di frutta esotica che lo caratterizzano normalmente. Qualche accenno più vegetale, di sambuco e di foglia di pomodoro, in particolare, che vanno a impreziosire un vino dall’impatto deciso, salino e lunghissimo.

Podium 2014 - Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Superiore Doc – Garofoli
Da uve verdicchio, eccovi un grande classico che non flette neanche se l’annata è come il 2014. Pesca bianca, fiori di campo, accenni tiolici, fumé, quasi da trimetil diidro naftalene (quello del riesling per intenderci), a definire un’essenzialità dello spettro olfattivo che ha del magico. Grande carattere, tensione acida, ottimo corpo, finale di estrema persistenza.

Riesling Windbichl 2014 - Alto Adige Valle Venosta Doc - Castel Juval – Unterortl
Non è stato facile per niente, ma le vigne di Castel Juval e la testardaggine di Martin Aurich hanno davvero compiuto un miracolo. Il Windbichl, un Riesling Renano magnifico, ha profumi affumicati, tiolici, poi note di pompelmo e di fiori di campo particolarmente ben definite. Ottimo l’impatto gustativo, pieno e tesissimo, con qualche ricordo di residuo zuccherino, da Spätlese più che da Auslese vero e proprio. Finale sottile e di lunghezza sorprendente.

Qui l'articolo completo

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Peppe Causarano

Ristorante VotaVota

Marina di Ragusa (Rg)

1) Spaghetto affumicato burro e alici

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search