Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La degustazione il 09 Ottobre 2018
di C.d.G.


(Eduard Bernhart)

di Marco Sciarrini, Roma

Approda a Roma, presso il Set - Spazio Eventi Tirso, la tappa romana dei vini dell’Alto Adige, un tour che toccherà anche le città di Firenze e Milano.

L’idea è quella di far vivere l’Alto Adige e scoprire la sua ricca offerta vitivinicola senza spostarsi dalla propria città, l’obiettivo del road show ideato dal Consorzio Vini Alto Adige, come ha dichiarato il direttore del Consorzio Eduard Bernhart. "I prodotti vengono consumati per il 35% in Alto Adige - spiega Bernhart - per il 40% nel resto d’Italia, che è il nostro mercato di riferimento, il restante 25% in Germania, Stati Uniti, Svizzera, ed in parte residuale anche in Austria, Gran Bretagna e Russia. Siamo presenti in ogni grande aeroporto e a novembre saremo ad Hong Kong per Vinitaly Hong Kong International Wine & Spirits Fair". Ma i vini dell'’Alto Adige si stanno affermando anche fuori dai confini con riconoscimenti importanti. "Si tratta di un risultato storico  - spiega il direttore - Per la prima volta Robert Parker ha premiato un vino bianco italiano il Gewürztraminer Epokale della Cantina Tramin con 100/100 e per la prima volta questo punteggio va ad un vino non prodotto in Toscana o Piemonte. Siamo molto orgogliosi di aver portato questo riconoscimento in Alto Adige”.

Oggi il consorzio è composto da 13 cooperative che rappresentano il 70% della produzione; a queste si aggiungono 33 tenute e 100 Vignaioli indipendenti. Schiava, Lagrein, Pinot Nero, Pinot Grigio, Gewurztraminer e Chardonnay i vitigni più coltivati. Il clima, anche qui sta facendo cambiare le abitudini: "Non eravamo abituati a periodi così lunghi di siccità ed alcuni hanno provveduto anche con irrigazione di soccorso - spiega Bernhart - a differenza del passato abbiamo iniziato a vendemmiare anche anticipatamente e abbiamo  tempeste improvvise che non si erano mai registrate". 

Il banco di assaggio itinerante prevede un allestimento emozionale alla scoperta del territorio e le sue zone di produzione attraverso i vini più rappresentativi. Cinquanta le etichette in degustazione, alle quali spetterà il compito di tratteggiare le caratteristiche degli areali e descrivere la tradizione enologica di un territorio che in soli 5.400 ettari vitati ospita venti diversi vitigni nel triangolo vinicolo compreso tra Silandro, Bressanone e Salorno. Le zone di produzione dell’Alto Adige sono quelle della Bassa Atesina, l’Oltradige, Bolzano, la Valle dell’Adige, Merano, la Valle Isarco, la Val Venosta.

Nell’ambito della degustazione abbiamo apprezzato in particolare per i bianchi:

  • Sauvignon Blanc 2016 della cantina Bergkellerei Passeier
  • Gewurztraminer Lyra 2017  di Nals Margreid
  • Gewurztraminer Vigna Kastelaz 2017 di Elena Walch
  • Gewurztraminer Nussbaumer 2016 della Cantina Tramin
  • Gewurztraminer riserva Exilissi 2013 di Baron Pauli

Per i rossi invece:

  • S. Maddalena Classico 2017 della Cantina Pfannstielhof
  • Pinot Nero Riserva  Montico 2016 della Cantina Terlano
  • Pinot Noir Riserva  Mimuet 2015 della Tenuta Alois Lageder 
  • Pinot Nero Riserva  Matan 2015 di Pfitscher 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

1) Crocchetta di stoccafisso e crema di capperi

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search